photogallery

Centri sociali occupati: feste tra droghe, alcol e sesso

Centri sociali occupati: feste tra droghe, alcol e sesso

Centri sociali occupati: feste tra droghe, alcol e sesso

MILANO – “Questa è una festa in cui la normalità resta fuori dalla porta”. Sesso, droghe, musica, alcol, scambi di coppia. I “centri sociali” italiani non sono solo quelli che manifestano in piazza, gli antagonismi vari, noTav e noExpo. C’è dell’altro, fa notare Giuseppe De Lorenzo su Il Giornale,

ovvero le attività notturne organizzate durante l’anno. Feste, discoteche, party di autofinanziamento: tutto in maniera più o meno illegale, realizzato senza autorizzazioni di sorta in locali spesso occupati.

Il “Ri-Make”, luogo della festa, è un enorme stabile un tempo sede della Banca Nazionale del Lavoro ed ora trasformato in un centro sociale “occupato, autogestito e antiproibizionista”. Nessun divieto comportamentale. Anche sulle droghe nessun limite: l’odore di marijuana è forte, ma tutto è ammesso.

Il collettivo femminista e Lgbt “Le Luccione” che ha organizzato il raduno parla di un “QuEeR Party con ‘Marx, Engels, Lenin & Beyoncè'”, personaggi che campeggiano sulla locandina chi con la barba rosa e chi con le sopracciglia colorate. E’ una serata omosessuale da cui non sono esclusi gli etero. L’importante è “liberare la sessualità e sperimentare i propri desideri”.

Per entrare viene chiesta un’offerta libera, prezzo che comprende anche la libertà di usufruire di preservativi e lubrificanti distribuiti gratuitamente. Come debba finire la serata è chiaro sin da subito. Il foglio informativo sul “Bon ton” da tenere non lascia spazio ad immaginazioni: “Divertiti, balla e, per una sera, libera i tuoi orgasmi”.

All’interno trovo anche un bar completo di tutto, tranne che del registratore di cassa. Ma questi son luoghi in cui non ci si formalizza, in cui la vendita di bevande diventa autofinanziamento e atto rivoluzionario (…)

 

To Top