Blitz quotidiano
powered by aruba

Isis, condannati accoltellati al cuore in piazza: foto choc

Isis, condannati accoltellati al cuore in piazza: foto choc

Isis, condannati accoltellati al cuore in piazza: foto choc

RAQQA (SIRIA) – Isis, ecco le foto delle ultime orripilanti esecuzioni, con i condannati a morte pugnalati al cuore nella pubblica piazza, mentre indossano la tuta arancione ormai diventata celebre e ispirata ai detenuti di Guantanamo.

Queste foto, spiega il tabloid britannico The Daily Mail, sono state scattate a Raqqa, roccaforte del cosiddetto Stato Islamico o Daesh in Siria. 

La vittima che si vede giustiziata con una coltellata al cuore era stata condannata per aver cooperato con la coalizione anti-Isis a guida americana. “Crimini contro il califfato”, vengono chiamati dagli jihadisti.

L’uomo, che secondo l’agenzia ABNA si chiamava Abdulhadi Essa al-Salem, è stato colpito al cuore e poi finito con un colpo di pistola in testa. Infine l’uomo è stato crocifisso, tutto sempre davanti a centinaia di gente che osservava come si trattasse di uno spettacolo. Le foto sono state diffuse su Twitter dal gruppo di attivisti “Raqqa is Being Slaughtered Silently”.

Pochi giorni fa altre foto hanno documentato l’uccisione di un uomo accusato di essere gay, o meglio, secondo la sharia di “sodomia”. L’uomo, di cui non si conosce il nome, è stato giustiziato nel classico modo con cui ormai l’occidente ha imparato che gli islamisti giustiziano gli omosessuali: è stato buttato giù da un palazzo di cinque piani a Manbij, nella provincia di Aleppo.

Anche in quel caso l’uomo è precipitato e si è schiantato per terra davanti alla folla assiepata per il tragico show. Tra loro anche dozzine di bambini.

Del resto queste non sono nemmeno le esecuzioni più crudeli, se si può stabilire una classifica di crudeltà. Basti ricordare come venne ammazzato Muath Kasasbeh, pilota giordano catturato dai miliziani Isis.

Immagine 1 di 4
  • Isis, condannati accoltellati al cuore in piazza: foto choc 5
Immagine 1 di 4




PER SAPERNE DI PIU'