photogallery

Jami Rodman si racconta: “Come sono diventata una escort a Las Vegas…”

Jami Rodman si racconta: "Come sono diventata una escort a Las Vegas..."

Jami Rodman si racconta: “Come sono diventata una escort a Las Vegas…”

LAS VEGAS – Nel suo libro “The Las Vegas Madam: The Escorts, The Clients, The Truth”, Jami Rodman racconta di come sia passata dall’essere una ragazza di provincia, cresciuta in una famiglia religiosa, a una escort di élite a Las Vegas, presso la agenzia top “Haley Heston”.

“Mi sono divertita e mi sono sentita più potente. Incontravamo uomini prestigiosi che ci trattavano molto bene. Ci pagavano per andare alle cene e alle feste. Non c’era molta differenza con una notte da una botta e via, ma questi uomini rispettavano davvero il nostro lavoro. Dopo aver fatto s***o le nostre strade si separavano. Non erano appuntamenti al buio, ma transazioni economiche. Chiare, senza ansie o conseguenze. Chi paga non è responsabile dei sentimenti altrui. Agli uomini piace non avere il problema di relazionarsi”.

Le escort sono soggette a recensioni. Una pessima recensione, può rovinare il lavoro: “Alcuni uomini avevano soldi ma non erano cortesi. Scrivevano in modo dettagliato l’atto s******e fatto, giudicando la ragazza. E’ paradossale, perché spesso si tratta di maschi incapaci di frequentare una donna. Sono pieni di problemi, anche fisici, ma la escort per loro deve essere impeccabile. Ogni volta che un cliente mi contattava, gli chiedevo quali fossero le sue fantasie, quali sex toy e vestiti voleva trovare. Le altre non facevano così, si limitavano al minimo per essere pagate. Mi piacevano gli extra, per sorprenderli. C’entra pure il fatto che ero strafatta e su di giri, ipersessuale e iperattiva”.

Come si fa ad evitare qualsiasi coinvolgimento emotivo? “Difficile. Si tratta sempre di esseri umani e, quando sei n**o sullo stesso letto, le barriere crollano. Con alcuni si crea una forte alchimia, che in genere sparisce dopo poco. Mi è capitato di frequentare i miei clienti, alcune colleghe hanno sposato i loro. Però queste relazioni spesso falliscono, perché nascono per denaro”.

Anche le escort hanno le loro regole: “Niente baci e niente capezzoli. La regola più frequente è quella del no all’orgasmo. I clienti non pagano per farti godere. Non pagano per una esperienza reciproca. E poi non puoi dare pezzi di te agli estranei. Quando esci dalla stanza, dici addio. E’ una vita solitaria, con gente sola”.

 

 

To Top