Blitz quotidiano
powered by aruba

Simone Borgese condannato a 7 anni e mezzo. Stuprò tassista

Simone Borgese condannato a 7 anni e mezzo. Stuprò tassista

Simone Borgese condannato a 7 anni e mezzo. Stuprò tassista a Roma

ROMA – E’ stato condannato a sette anni e sei mesi di reclusione Simone Borgese, il 34enne accusato di aver stuprato una tassista romana. Lo scorso 8 maggio 2015 l’uomo si fece accompagnare dalla donna in servizio in una zona periferica a sud di Roma per poi picchiarla, violentarla e rapinarla.

Nei suoi confronti il pm Eugenio Albamonte aveva sollecitato una condanna a 7 anni di reclusione. I giudici della V sezione penale del Tribunale di Roma sono stati ancor più severi, condannandolo a sei mesi in più per lesioni, violenza sessuale e rapina. E’ stata inoltre disposta una provvisionale di 30 mila euro in favore della vittima e di diecimila euro in favore del Comune di Roma, costituitosi parte civile al processo.

Borgese fu arrestato pochi giorni dopo lo stupro dicendosi pentito e confessando i fatti a lui contestati. Agli investigatori disse di essere stato colto da un raptus. L’uomo è ora imputato anche in un altro processo, fissato per il 5 aprile prossimo, per un secondo caso di stupro ai danni di una ragazza di 17 anni che sarebbe stata molestata all’interno di un ascensore nel giugno dello scorso anno. La vittima, che aveva inizialmente sporto denuncia contro ignoti, lo avrebbe riconosciuto dopo aver visto le foto in tv il giorno del suo arresto.

Immagine 1 di 5
  • Simone Borgese05
Immagine 1 di 5