Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit, gli anti-Europa dicono voto truccato dai servizi segreti

ROMA – Brexit, gli anti-Europa dicono voto truccato dai servizi segreti. Secondo un sondaggio di YouGov, il 28% del fronte anti-europeista sospetta che il voto possa essere in un qualche modo “truccato”. E la percentuale sale al 64% per chi vota Ukip, il gruppo euroscettico di Nigel Farage. Un altro dato fa emergere che un terzo dei sostenitori di Leave ritiene che l’MI5, i servizi segreti che operano all’interno del Paese, stiano collaborando col governo di David Cameron per mantenere il Regno nell’Ue.

In Gran Bretagna si può: nel timore di brogli, molti elettori rifiutano di votare al referendum sull’appartenenza del Regno Unito all’Ue usando le matite disponibili nei seggi, e si sono portati la biro personale. Nei social impazzano le tesi del complotto, con governo Cameron e MI5 pronti a cancellare con una gomma qualsiasi traccia anti europeista sulle schede imbrattate da un croce sulla casella ‘Leave’.  Su twitter sono apparsi gli hashtag #useapen (usa la penna) e #PenIsBest (meglio con una penna).