Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit inizierà entro marzo 2017. May: “Sarà un successo”

LONDRA – C’è voluto un po’ di tempo. Ma ora una data c’è e quella data è marzo 2017. Tra sei mesi la Gran Bretagna attiverà  l’articolo 50 del trattato di Lisbona per l’avvio formale dell’iter di divorzio dall’Ue. Ad annunciare il tutto è stata la premier Theresa May, scoprendo le carte al talk show di Andy Marr, sulla Bbc, nella giornata di apertura della Conferenza annuale del Partito Conservatore a Birmingham. In un articolo sul Sunday Times si era limitata in precedenza a dire che l’attivazione sarebbe prima delle elezioni tedesche di settembre.

Il referendum sulla Brexit, spiega May,  “è stato legittimo”, anzi e’ stato “il piu’ grande voto per il cambiamento che questo Paese abbia mai avuto” e “la Gran Bretagna lascerà l’Ue”. May ha ribadito che “Brexit significa Brexit” e di volerne “fare un successo”. Ironia poi su su chi rifiuta il risultato del referendum o pensa di ricorrere alle corti di giustizia: “Ma andiamo…”

Theresa May, quindi, annuncia  ufficialmente un “Great Repeal Bill” (una Legge per la Grande Abrogazione) per cancellare l’European Communities Act del 1972, attraverso il quale la Gran Bretagna recepì  la legislazione comunitaria, e avviare di fatto la trasformazione di tutte le leggi europee in leggi nazionali in modo che il parlamento di Westminster possa poi confermarle o annullarle a piacimento, a Brexit attuata. La legge “sara’ inserita nel prossimo Discorso della Regina” al parlamento (Queen’s Speech), ha quindi confermato la premier britannica alla Conferenza annuale Tory. “Le nostre leggi saranno fatte a Westminster e non a Bruxelles, e saranno interpretate dai nostri giudici a Londra e non a Lussemburgo”, ha tuonato infine May fra gli applausi dei delegati del Partito Conservatore.