Politica Europa

Brexit, Londra minaccia Ue: “Siete voi a dover pagare il conto”

Brexit, Londra minaccia Ue: "Siete voi a dover pagare il conto"

Brexit, Londra minaccia Ue: “Siete voi a dover pagare il conto”

LONDRA – Potrebbe essere Bruxelles a dover pagare il conto per la Brexit e non il contrario. La minaccia è stata ventilata dal ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, che in un’intervista al Daily Telegraph accusa l’Unione Europea di voler dissanguare il Regno Unito.

Johnson ha sostenuto che ci sono molte “buone ragioni” in base alle quali Londra dovrebbe avere i soldi indietro da Bruxelles, avendo contribuito a così tanti istituti e beni europei. In caso non si dovesse trovare un accordo sulla Brexit, fa sapere, la Gran Bretagna potrebbe andarsene senza pagare “un penny”.

A far detonare la polemica erano stati i conti fatti dal quotidiano inglese Financial Times, secondo il quale Londra potrebbe dover arrivare a sborsare una cifra da capogiro per il divorzio dall’Ue: fino a 100 miliardi di euro. Secondo Johnson si tratta di cifre “assurde” e ha minacciato di lasciare il tavolo del negoziato “senza pagare nulla”, denunciando “tecniche brutali di negoziato da parte di Bruxelles”.

Nell’intervista al Daily Telegraph, il ministro degli esteri britannico si dice d’accordo con l’ex leader conservatore Iain Duncan Smith , secondo il quale il Regno Unito dovrebbe ricevere rimborsi dalla Ue. “Ci sono molte buone ragioni per essere d’accordo”, ha osservato Johnson.  “Ci sono beni europei, ora non voglio entrare troppo in dettaglio nei negoziati, ma ci sono beni in cui la Gran Bretagna ha quote  ed ha pagato per lungo tempo. Ci sarà la necessità di valutare il valore di questi beni”.

“Certamente – ha sottolineato – ritengo che il conto che ci è stato presentato dalla Ue sia assurdo”. Si tratta , ha ricordato, di quasi 100 miliardi di euro per pagare le conseguenze dell’uscita dall’Unione. Ciò, ha detto Johnson , è “succhiare il sangue”.

Ad avviso del ministro, sono state  “vergognose”  le notizie fatte filtrare dall’incontro a Downing Street tra il primo ministro Theresa May e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker  e il negoziatore Brexit Michel Barnier : “ciò ha dimostrato – ha spiegato Johnson – che Bruxelles è spietata nelle sue tecniche negoziali”.

“La logica dietro al conto presentato dalla UE è assolutamente pretestuoso”. “Potremmo andarcene via definitivamente senza pagare”, ha minacciato.

E ha concluso citando una celebre canzone degli Eagles: “Il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, pensa che l’Ue sia l’Hotel California, dove si può fare il check out ma senza poter mai riuscire ad andarsene. Si sbaglia”.

Secondo quanto riportato dal Telegraph, il Regno Unito avrebbe diritto ad un rimborso di 9 miliardi di sterline (10,6 miliardi di euro) dalla Banca europea degli investimenti (Bei) e di altri 14 miliardi di sterline, in liquidità e beni immobiliari.

To Top