Blitz quotidiano
powered by aruba

Merkel ci ripensa: Non possiamo ospitare tutto l’Afghanistan. Via in 100mila

BERLINO – La Germania sta pianificando il rimpatrio di 100.000 persone a cui è stato negato l’asilo politico, dopo che la Merkel ha ammesso: “Non  è possibile che tutti i giovani dall’Afghanistan si rifugino da noi”.

Circa 60.000 persone verranno rimandate in patria grazie al programma di rientro volontario, mentre il resto dovrà affrontare la deportazione obbligatoria; dalla Germania hanno annunciato che ai profughi verrà dato del denaro, che fungerà da “start up” per aiutarli a sistemarsi nuovamente nel proprio paese, così come il biglietto aereo.

Le parole della cancelliera tedesca sono state riportate dal Die Welt, dopo la conferenza regionale cristiano democratica tenutasi a Neumunster. Angela Merkel è stata precedentemente e fortemente attaccata per la sua politica “a porte aperte”, in quella che è la peggior crisi migratoria europea dalla Seconda Guerra Mondiale.

All’inizio di questo mese, la cancelliera ha annunciato che si candiderà nuovamente alle elezioni del prossimo anno: se dovesse vincere, cosa che molti danno per certa, il suo mandato verrà rinnovato per altri quattro anni, superando quello del suo mentore Helmut Kohl, che ricopriva il ruolo nel 1989, durante la caduta del Muro.