Blitz quotidiano
powered by aruba

Ue si spacca su conti e migranti. Renzi: “Hollande e Merkel sbagliano”

BRATISLAVA – Vertice di Bratislava, addio Ventotene. L’Unione europea si spacca su conti pubblici e migranti. Matteo Renzi: “Angela Merkel e Francois Hollande sbagliano”.

Il presidente del Consiglio non partecipa alla conferenza stampa congiunta del presidente francese e della cancelliera tedesca. E non è solo forma. “Non sono soddisfatto delle conclusioni” del vertice “su crescita e immigrazione”. Per questo “non posso fare una conferenza stampa con Merkel e Hollande non condividendo le conclusioni come loro”, ha spiegato.

E’ proprio il nodo immigrazione quello su cui il presidente del Consiglio è più critico: “Noi stiamo facendo la nostra parte e siamo pronti a farla anche da soli se necessario. Vogliamo vedere i fatti. La politica di austerity dell’Europa non ha funzionato. Noi rispettiamo le regole. La Germania non rispetta quella sul surplus commerciale”.

Poi la critica all’Unione europea perché “la soluzione individuata al vertice di Malta è rimasta lettera morta. Sui migranti vogliamo vedere i fatti. Il vertice di Bratislava ha visto alcuni passi avanti ma ancora è lontano” dalle sfide che l’Ue deve affrontare dopo la Brexit. Non è stato tempo perso, ma definire il documento sui migranti di oggi un passo avanti richiede della fantasia” degna dei “funamboli da vocabolario. Si sono ridette le solite cose”.

E poi ancora: “Se l’unica cosa che fa la guardia costiera” europea “è portare migranti in Sicilia“, questo “non può continuare”. E quindi o “l’Ue fa accordi con Paesi africani o li facciamo da soli”. Ma “secondo noi sarebbe molto meglio se a farlo fosse l’Europa”.

AUSTERITY – Nel mirino del presidente del Consiglio anche le regole sui conti pubblici. La politica di austerity dell’Europa “non ha funzionato”, ha detto il premier, ribadendo che l’Europa ha bisogna di stimolare la crescita.

L’Italia sta lavorando per costruire consenso su un’idea di Europa che “si richiama a Ventotene e che punta alla crescita, non all’austerità. Il messaggio che do agli italiani è che continueremo ad abbassare le tasse”. Infine, la stoccata alla Germania: “Così come i Paesi devono rispettare le regole del deficit, allo stesso modo si devono rispettare altre regole, come quella sul surplus commerciale. E ci sono alcuni Paesi che non la rispettano, il principale è la Germania”.