Politica Italia

Beppe Grillo esclude Chiara Appendino dalla corsa a premier

Beppe Grillo esclude Chiara Appendino dalla corsa a premier

Beppe Grillo esclude Chiara Appendino dalla corsa a premier

ROMA – Grillo sente il bisogno di pubblicamente ripetere che i sindaci M5S non possono essere candidati premier di M5S. Poiché i sindaci di rilievo, statura, caratura nazionale M5S ne ha in fondo solo due, Virginia Raggi e Chiara Appendino, e poiché comunque la si valuti nessuno può neanche lontanamente immaginare la Raggi candidata a Palazzo Chigi, l’esclusa dalla corsa è la Appendino.

Della Appendino sindaca di Torino, come possibile candidata premier del Movimento 5 Stelle si è parlato più volte, anche se non si è mai andati oltre il livelli di riferimenti e suggestioni. La stessa Appendino, quando gliel’hanno chiesto, ha sempre detto che il suo ruolo era e restava quello del sindaco di Torino. Però la Appendino aveva ed ha appeal politico: è moderata, competente, volutamente poco estremista, capace di intese operative anche con altri attori della politica torinese e piemontese. Tutte cose buone in potenza per fare il premier ma che dentro M5S non è detto che siano virtù già apprezzate.

Ci tengo a ribadire che nel M5S vige una regola chiara e semplice: ogni portavoce eletto porta a termine il suo mandato e durante il suo svolgimento non può candidarsi a svolgere altre cariche”, scrive, in un post scriptum ad un suo post sul blog, Beppe Grillo. “Le votazioni per il candidato premier e per i candidati in Parlamento escluderanno, come da regolamento, tutti i portavoce M5S che stanno svolgendo un altro mandato. Chi ha iniziato a fare il sindaco nel 2016 continuerà a farlo fino al 2021”, aggiunge.

 

 

To Top