Blitz quotidiano
powered by aruba

Berlusconi: “Le mie giornate con Dudu e Dudina”

ROMA – Le sue giornate le trascorre sempre con Dudù e Dudina che “allietano i miei tormenti”. Così Silvio Berlusconi ai microfoni di Rtl 102.5 racconta la vita con i barboncini di casa Arcore. “Dudu – assicura – è un receptionista eccezionale, perché fa le coccole a tutti coloro che entrano in casa e tutti lo gratificano della loro attenzione e delle loro carezze. Dudu è il papà con Dudina di tre cuccioli, che sono di un divertimento unico. Avere loro intorno è una gioia vera”.

Incalzato dai conduttori, Berlusconi racconta di ricevere in casa i dirigenti di partito sempre in compagnia dei suoi cani: “Definirli collaboratori – aggiunge – forse è eccessivo, però che siano tra le poche situazioni che mi allietano il tormento di quello che sta succedendo in Italia, in Europa e nel mondo questo si può dire”.

La conversazione poi si sposta su questioni più strettamente politiche e in particolare sulle prossime elezioni comunali a Roma. Per chi voterebbe ad un eventuale ballottaggio tra Roberto Giachetti e Virginia Raggi? “Sono sicuro che al ballottaggio ci sarà Bertolaso e io penso che, dopo due mesi di campagna elettorale, vinca perfino al primo turno”, ha assicurato l’ex Cavaliere.

Tra Matteo Renzi e M5S a livello nazionale, Berlusconi risponde: “Non mi faccia scegliere tra due mali. Renzi è alla guida del governo senza essere stato eletto, è la negazione della sovranità popolare. E’ qualcosa che ci dovrebbe vedere in piazza a chiedere nuove elezioni al capo dello stato. Il M5S ha scelto ragazzi telegenici, ma non hanno nessuna capacità e cultura di governo. E’ un partito pauperista e giustizialista. Inoltre, un ballottaggio a livello nazionale tra Pd e M5S vedrebbe vincente i secondi, sarebbe una catastrofe”, conclude.