Blitz quotidiano
powered by aruba

Berlusconi ricoverato, Zangrillo: “Quadro clinico buono”

MILANO – Arrivano notizie rassicuranti sulla salute di Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele di Milano da martedì 7 giugno per uno scompenso cardiaco. A parlare, anzi a scrivere, è il medico personale di Berlusconi, Alberto Zangrillo che spiega:

“Si conferma che il quadro clinico generale è buono e che stanno procedendo positivamente gli accertamenti clinico-diagnostici programmati”.

Lorenzo Menicanti, cardiochirurgo di fama internazionale, primario al Policlinico San Donato, interpellato dal Corriere della sera fa un quadro clinico di Berlusconi: “Lo scompenso cardiaco di per sé non è una malattia, ma è il segnale di qualcosa che non funziona. Come la febbre. Vuole dire che il cuore non pompa bene”.
Prosegue il luminare: “Il cuore può essere stanco per molte cause: vecchiaia, occlusione delle arterie coronariche, presenza di malattie del muscolo cardiaco e problemi alle valvole”. Le cure per situazioni di questo tipo, assicura Menicanti, sono “innanzitutto farmacologiche, con diuretici che aiutano il cuore a pompare meglio. Va poi rimossa la causa scatenante: per esempio, nel caso delle coronarie chiuse, con l’ angioplastica o il bypass”.

Già ieri, del resto, sulle condizioni di salute dell’ex premier erano arrivate nel corso della giornata una serie di notizie rassicuranti. Sono stati numerosi, infatti, gli amici intimi e i parenti che gli hanno fatto visita all’ospedale San Raffaele. E tutti hanno rilasciato lo stesso tipo di dichiarazione. “Sta benissimo” aveva detto l’avvocato Nicolò Ghedini. Parole analoghe anche da parte dei figli Marina e Pier Silvio.

Il bollettino medico della notte. Ha passato una notte tranquilla Silvio Berlusconi, ricoverato da ieri mattina all’Ospedale San Raffaele di Milano per alcuni problemi di salute legati a uno scompenso cardiaco. A riferirlo all’ANSA, fonti ospedaliere. L’ex premier è seguito costantemente dal suo medico personale Alberto Zangrillo, direttore dell’Anestesia e Rianimazione della stessa struttura.    Per Berlusconi gli accertamenti, tutti già programmati, sono ancora in corso; sono iniziati questa mattina presto, intorno alle 8. Fonti di Forza Italia avevano precisato nella giornata di ieri che il Cavaliere non ha avuto alcun malore nei giorni precedenti al ricovero, e che i sintomi che ha avuto hanno portato i medici a consigliare una degenza di qualche giorno per fare i dovuti accertamenti.

Immagine 1 di 8
  • Silvio Berlusconi ricovero emergenza: Scompenso cardiaco
Immagine 1 di 8