Politica Italia

Bersani-Monti, scontro finale? “Lasciamo stare coalizione”, “stanchi di manovre”

Bersani-Monti, scontro finale? "Lasciam stare coalizione" e "stanchi di manovre"

Bersani-Monti, scontro finale? “Lasciam stare coalizione” e “stanchi di manovre”

PADOVA – Di nuovo scontro Pier Luigi Bersani-Mario Monti, forse l’ultimo, quello definitivo, quello che fa presumere che quell’accordo di cui tanto si era parlato non esista più, o forse non sia mai esistito. A un Mario Monti che in mattinata ha illustrato il suo piano per il Fisco, ha detto che per le riforme ci vorrebbe una “grande coalizione”, ha nuovamente aperto a un’alleanza con il Pdl “senza Berlusconi” e non ha totalmente escluso la possibilità di una nuova manovra in primavera, Bersani risponde con toni che non lasciano dubbi: ”Lasciamo stare la grande coalizione, per l’amor di Dio…”, dice. E poi: ”Oggi le tasse sono calate di 30 miliardi tra quello che hanno detto Berlusconi e il nuovo Monti”.

Leggi anche Tasse, scontro Monti-Camusso: “Manovra? Dipende dal voto”, “Minaccia a elettori”

Quanto alla manovra: ”Io sono stanco di manovre come credo tutti gli italiani, non si può inseguire la recessione con delle manovre e quindi sono contro”. ”Mi pare di aver capito che la manovra non si fa se c’è lui – aggiunge – un po’ di modestia sarebbe consigliabile… Detto questo, qualche problemino c’è da affrontare, lo sa anche Monti”.

San raffaele

Nel 2013 bisogna certo pensare ”ad un abbassamento del carico fiscale a vantaggio di lavoratori – specifica Bersani –  pensionati e chi investe per dare lavoro. Ma non è solo fisco: credo che serva subito rileggere il patto di stabilità e mettere in moto un piano per le piccole opere per dare un po’ di lavoro”.

Per il 2013, sostiene Bersani, ”noi dobbiamo mettere un occhio alla concreta situazione economica e sociale. Nel 2013 gli italiani sono esposti ad un tema sociale crucialissimo e chiedo: siamo a posto con i disabili, gli esodati, le risorse per gli ammortizzatori? Vogliamo partire da qui o no? Noi siamo per la progressività sulle imposte, come l’ Imu fino a 500 euro, e da quel che ricavi dalla fedeltà fiscale, dal controllo della spesa pubblica e dalla dismissione del patrimonio si deve pensare ad un abbassamento del carico fiscale ma non c’è solo il fisco”.

Al governo tocca indicare la strada – conclude Bersani – tenere la barra ma chi pensa che coesione e cambiamento sono ossimori è fuori come un balcone. Questo paese ha bisogno di spingersi tutto in avanti, se distingui tra buoni e cattivi non fai un piacere neanche agli industriali. Quando governi sono tutti figli tuoi, puo’ succedere che l’accordo poi non lo trovi ma con il confronto eviti di fare errori”.

To Top