Blitz quotidiano
powered by aruba

Casaleggio jr e Di Maio, il patto. Il server del comando…

ROMA –  Casaleggio jr e Di Maio, il patto. Il server del comando… Grillo? Casaleggio jr? Il direttorio? Ora chi guiderà il M5S? E soprattutto ci si chiede, rispetto alla catena di comando nel Movimento, quale sarà il rapporto tra direttorio e Casaleggio & Associati dove ora Davide Casaleggio, più manager e meno visionario politicamente del padre, è il dominus avendone la maggioranza e controllando il blog, cioè il server, cioè “le chiavi materiali del blog, l’unico vero strumento politico unificante di quel magma che altrimenti sarebbe stato ed era il Movimento; e il sistema aziendale dei clic e dei siti satellite (con annessa pubblicità)”.

Chi controlla il server controlla il Movimento. Il virgolettato di Jacopo Jacoboni de La Stampa (che aveva già raccontato abdicazione di Casaleggio senior e successione in favore di Casaleggio junior e ne aveva ricevuto accusa di “sciacallaggio”) circoscrive l’ambito della composizione degli interessi in campo  – o della loro deflagrazione. Per questo Luigi Di Maio, una delle poche figure emerse dai meet-up assurte al ruolo di leader nazionale, avrebbe rinnovato ieri (incontro a due a Milano) il patto con Davide Casaleggio per una gestione ordinata dell’eredità di Gianroberto e del futuro immediato del Movimento.

La tenaglia che si delinea per quel partito-azienda che è il Movimento cinque stelle è, dunque, tutta qui: pensati come separati, il Movimento e l’azienda si sono fatalmente sovrapposti non fosse altro che per una ragione: sui server dell’azienda avvengono le tanto sbandierate elezioni online, credibili o meno che le giudichiate. L’azienda detiene il blog di Grillo. Incassa sui video delle webstar parlamentari. Può rinunciare il Movimento alla retorica delle elezioni on line? O alla finzione che, dietro il blog, ci siano Grillo e Casaleggio e non, poniamo, Di Maio, la fidanzata Silvia Virgulti (o ancor meno l’ex del grande fratello Casalino)? (Jacopo Jacoboni, La Stampa)

Il testamento politico. Gianroberto Casaleggio, già immaginando quanto sarebbe accaduto, avrebbe lasciato ai suoi fedelissimi un testamento politico: una serie di appunti con indicazioni in vista delle prossime scadenze politiche nella convinzione che nella primavera del 2017 si voterà. I pentastellati e Beppe Grillo si trovano di fronte ad una svolta: andare avanti senza il supporto del suo ideatore e fondatore.

Beppe Grillo garante. Il comico genovese nei mesi scorsi ha detto di voler fare “un passo di lato” per tornare a fare spettacoli ma soprattutto per lasciare spazio al direttorio dei parlamentari. Insomma, di volersi limitare ad un ruolo di “garante”. Questa decisione, accompagnata anche dalla scomparsa del suo nome dal simbolo, potrebbe ora essere rivista. Anzi, secondo alcuni parlamentari pentastellati, il leader dovrebbe tornare a farsi carico del Movimento. D’altronde, lo stesso comico genovese nelle scorse settimane aveva annunciato che “cambiamenti” sarebbero stati imminenti.

La successione dinastica avverrà anche sul piano legale e amministrativo. Gianroberto Casaleggio era infatti uno dei quattro membri dell’associazione a cui fa capo il Movimento Cinque Stelle, titolare della proprietà del simbolo e del conseguente potere di revoca. La sua quota verrà rilevata da Davide. A volerlo è stato soprattutto Grillo. (Emanuele Buzzi e Marco Imarisio, Corriere della Sera)

Il ruolo del Direttorio. L’alternativa è rappresentata dal passaggio della cabina di regia interamente nelle mani del direttorio M5S. Non tutti tra i pentastellati – soprattutto al Senato – sono però convinti che Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista, Roberto Fico, Carlo Sibilia e Carla Ruocco (tutti deputati) abbiano sufficiente piglio per guidare il “partito” per motivi anagrafici e di equilibrio tra le due Camere. Palazzo Madama reclama un peso maggiore all’interno degli organismi direttivi: spesso si sono fatti i nomi dei senatori Paola Taverna e Nicola Morra per incarichi di primo piano.

Casaleggio jr. C’è, infine, da definire il ruolo di Davide Casaleggio. Il figlio del co-fondatore si trova ora ad avere la maggioranza della Casaleggio Associati, proprietaria del blog di Beppe. Ad affiancarlo ci saranno anche i soci e Filippo Pittarello (attualmente aiuta il gruppo parlamentare a Bruxelles). In Parlamento non tutti sono convinti che Davide abbia la sensibilità politica del padre. Ma non mancano neanche i suoi ammiratori, convinti che possa bilanciare “lo strapotere” del direttorio e dare un’impronta più strategica. “Gianroberto era un visionario nel senso che riusciva a capire prima il futuro – spiega una delle fonti -.

Una difficile transizione. Era consapevole delle condizioni di salute ed aveva pianificato cosa sarebbe accaduto quando lui non ci sarebbe stato più. Pianificava tutto, sempre”. La soluzione potrebbe quindi averla immaginata lo stesso Casaleggio con il suo testamento politico: un periodo di transizione con direttorio e Davide che si aiutano sotto il controllo di Grillo e traghettano il “partito” durante questo periodo difficile. Anche in questa luce potrebbe essere letto il post della scorsa settimana sul blog nel quale lo stesso Casaleggio ha detto: “Nel M5S non ci sono capi. Decidono i cittadini”. Una democrazia allargata che, di fatto, congelerebbe la situazione attuale. L’accordo dovrebbe essere siglato dallo stesso Casaleggio jr e da Luigi Di Maio e Roberto Fico.

Immagine 1 di 18
  • gianroberto-casaleggio-malattia-morte-foto-storia-18Roberto Casaleggio è arrivato questa mattina a Montecitorio. L'esponente del M5s incontrerà i parlamentari del movimento. 15 gennaio 2014 ANSA/MASSIMO PERCOSSI
  • Gianroberto Casaleggio durante l'incontro tra gli imprenditori della rete ConfApri e il Movimento 5 Stelle, Torino,15 aprile 2013. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO
  • Gianroberto Casaleggio sul palco in Piazza della Vittoria in occasione del terzo V-Day, 01 dicembre 2013 a Genova. ANSA/LUCA ZENNARO
  • Gianroberto Casaleggio lascia l'ufficio del Gruppo M5S in Senato', Roma, 19 dicembre 2013. ANSA/GIUSEPPE LAMI
  • Beppe Grillo (c) e Gianroberto Casaleggio (s) durante la manifestazione di chiusura della campagna elettorale per le elezioni Europee del Movimento Cinque Stelle a piazza San Giovanni, Roma, 23 maggio 2014. ANSA/ANGELO CARCONI
  • Beppe Grillo (s) e Gianroberto Casaleggio (d) sul palco in piazza della Vittoria per il terzo V-Day, 01 dicembre 2013 a Genova. ANSA/LUCA ZENNARO
  • Gian Roberto Casaleggio (s) e Beppe Grillo in piazza San Giovanni durante la manifestazione di chiusura della campagna elettorale per le europee del M5S , Roma 23 Maggio 2014. ANSA/GIUSEPPE LAMI
  • Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, con Gianroberto Casaleggio durante il comizio in Piazza San Giovanni a Roma, 22 febbraio 2013. E' Beppe Grillo il vincitore delle elezioni 2013. Il suo M5S vola, va oltre la soglia del 20% ritenuta impensabile fino a qualche mese fa e fa tremare i partiti. Pd e Pdl, se vogliono governare, devono necessariamente trovare un accordo con i parlamentari 'a cinque stelle'. E sembra di ascoltare la voce dell'ex comico, ora blogger e leader del MoVimento che dal palco di piazza San Giovanni a Roma urlava: "Arrendetevi, siete circondati". ANSA / ETTORE FERRARI
  • Beppe Grillo (s) e Gianroberto Casaleggio (d) sul palco in piazza della Vittoria per il terzo V-Day, 01 dicembre 2013 a Genova. ANSA/LUCA ZENNARO
  • Il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo con Roberto Casaleggio (D) durante l'incontro con gli imprenditori della Marca trevigiana a Treviso, 9 febbraio 2013. L'incontro, tenutosi in un albergo, e' stato preceduto da una riunione a porte chiuse con un gruppo ristretto di imprenditori, tra i quali il presidente della Confartigianato trevigiana e l'ex patron della Permasteelisa, Massimo Colomban, ora alla guida dell'associazione Confapri. Presente anche il 'duro' dei 5 Stelle, Roberto Casaleggio, il quale ha esposto ai responsabili delle aziende trevigiane i dieci punti del programma del Movimento per le elezioni politiche. ANSA/BOLZONI DAVIDE
  • Una recente immagine di Gianroberto Casaleggio tratta da Wikipedia, 4 gennaio 2013
  • Beppe Grillo (S) e Gianroberto Casaleggio in una foto tratta dal blog di Beppe Grillo, 4 gennaio 2013.ANSA
  • Gianroberto Casaleggio arriva alla Casaleggio Associati in via Morone nel centro di Milano, 26 maggio 2014. ANSA/ FLAVIO LO SCALZO
  • Gianroberto Casaleggio sul palco in Piazza della Vittoria in occasione del terzo V-Day, Genova, 01 dicembre 2013. ANSA/LUCA ZENNARO
  • Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, con Gianroberto Casaleggio durante il comizio in Piazza San Giovanni a Roma, 22 febbraio 2013. ANSA / ALESSANDRO DI MEO
  • Il guru del Movimento 5 Stelle Gianroberto Casellegio a Cernobbio (Co), 6 settembre 2014, in occasione del workshop Ambrosetti: "Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive". ANSA / MATTEO BAZZI
  • Founder of "Movimento 5 Stelle", Gianroberto Casaleggio, in Villa d'Este of Cernobbio, Northern Italy, 08 September 2013 during a forum organized by the European House-Ambrosetti. According to the Ambrosetti website, world leaders in politics, business and other fields meet annually at the forum to discuss issues of global importance. ANSA/MATTEO BAZZI
  • Roberto Casaleggio in platea per assistere allo spettacolo di Beppe Grillo "Grillo vs Grillo" al teatro Linear Ciak di Milano, 2 febbraio 2016. ANSA / MATTEO BAZZI
Immagine 1 di 18