Politica Italia

Cimadoro (Idv): “A volte li chiamo culattoni”. Di Pietro: “Che stupido”

ROMA – Alla trasmissione La Zanzara il deputato Idv cognato di Antonio Di Pietro ha detto “Tremaglia li chiamava culattoni, io li chiamo diversi. Poi, quando non parlo in pubblico mi scappa anche culattoni. Io invece sono orgoglioso di essere normale”.

Subito è arrivata l’immediata presa di distanza da parte del capo dell’Idv, “ma rimane che questa ennesima offesa da parte di esponenti politici non fa che consolidare la convinzione che siano proprio i partiti, compresi quelli di centro sinistra, a diffondere l’omofobia in Italia”, si legge in una nota di Equality Italia.

“Inutile firmare o proporre leggi contro l’omofobia o sul riconoscimento delle coppie gay- aggiunge il comunicato- se nei partiti poi non è condivisa una solida cultura del rispetto e di reale tutela sociale e culturale delle minoranze. A Di Pietro consigliamo una robusta campagna interna di formazione e di selezione del personale politico. Ringraziamo, infine Franco Grillini, responsabile diritti civili dell’Idv, per aver chiesto chiarimenti ed eventuali provvedimenti disciplinari”.

“Le parole dell’onorevole Cimadoro sono stupide e irresponsabili”. Lo aveva affermato il presidente dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, commentando le dichiarazioni rilasciate da Cimadoro. “Mi dissocio e mi scuso, anche a nome del partito, con tutta la comunità gay, alla quale rinnovo affetto e stima”.

To Top