Blitz quotidiano
powered by aruba

De Dominicis, il “nuovo” della Giunta Raggi: “Lo sprid sta calando…”. Era lo spread

ROMA – De Dominicis: “Col mio sasso nello stagno ho smosso Obama”. Era il febbraio del 2014, l’allora magistrato contabile Raffaele De Dominicis (e ora new entry al Bilancio) nella Giunta Raggi) sollecitato dal Corriere della Sera così si esprimeva a proposito della crescita incontrollata dello spread e della solvibilità dei titoli pubblici:

“Guardi che se lo sprid sta calando…”. Lo spread, intende. “Sì, insomma, se scende è perché dopo che noi ci siamo mossi quelli si sono dati una calmata con i down ground”. I downgrade. “Ecco, quelli. E poi anche Obama li ha chiamati a rispondere. Voglio dire: se non avessi lanciato il mio sasso nello stagno non sarebbe mica successo. Non le pare?”. (Corriere della Sera)

In quel momento De Dominicis stava impegnando la Corte dei Conti del Lazio in una inchiesta contro le società di rating, colpevoli a suo dire, appunto, di abbassare a bella posta il giudizio sull’affidabilità del sistema italiano per consentire una speculazione selvaggia. Oggi quelle parole –  è Repubblica che ha spulciato le vecchie dichiarazioni del magistrato ora in pensione – tornano di attualità perché a De Dominicis è stato affidato l’asrato al Bilancio di Roma, poltrona rimasta vacante dopo la defezione di Marcello Minenna in rotta con la Giunta Raggi.

De Dominicis, che ha indagato anche sui lavori della Metro C, a precisa domanda, rispondeva che non si sarebbe buttato in politica: “Scherza? Non lo farei mai”. Per la cronaca, l’inchiesta sull’attacco all’Italia armato dallo sprid, pardon spread, è stata archiviata.