Blitz quotidiano
powered by aruba

Def, crescita minore del previsti. Renzi: “Pil all’1% nel 2017 e deficit fino al 2,4%”

ROMA – La crescita c’è, anche se minore del previsto, e sarà stimolata dalle misure che il governo ha in cantiere con la prossima manovra finanziaria. E il deficit continuerà a scendere toccando il punto più basso dal 2007. E’ quanto il premier Matteo Renzi ha annunciato al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato il Documento di programmazione economica e finanziaria. “Coerentemente con le regole dell’Unione europea”, ha chiarito Renzi, l’esecutivo chiederà uno spazio fuori dal Patto di Stabilità fino a 0,4 punti (circa 6 miliardi) legati alle “circostanze eccezionali” che il Paese ha affrontato sul fronte dei migranti e a causa del terremoto del Centro Italia.

“La sintesi è: il deficit va giù, il Pil va su – ha detto Renzi – tutti e due con una traiettoria meno ampia di come avremmo voluto ma entrambi continuano ad andare nella giusta direzione”.

Il clima, in una riunione iniziata in tarda serata con oltre un’ora di ritardo è meno effervescente del passato, quando le aspettative di crescita erano ben più ottimistiche. Il premier scherza – “oggi è San Prudenzio, ha vinto la linea Padoan” – ma sia il presidente del Consiglio che il ministro dell’Economia ammettono una certa insoddisfazione. I numeri, fissati con l’aggiornamento del Def, indicano una crescita ferma allo 0,8% per quest’anno (dall’1,2 previsto in aprile) e che però potrebbe raggiungere la soglia ‘psicologica’ dell’1% nel 2017 “con un guadagno non irrilevante”, come ha sottolineato Padoan, grazie alla spinta agli investimenti e alle misure sul sociale che arriveranno con la prossima legge di Bilancio.

La revisione della crescita porta a una revisione anche del target di deficit, che nel 2016 salirà al 2,4% (rispetto al 2,3%) e che l’anno prossimo si attesterà al 2% (rispetto all’1,8%). Un livello apparentemente basso rispetto alle cifre circolate fino alla vigilia, ma che potrà lievitare di 4 decimi di punto con l’autorizzazione del Parlamento e, ma questa è tutta da verificare, anche di Bruxelles. Non a caso Renzi ha parlato di un “massimo” di 0,4 punti e dalla commissione avevano fatto sapere che c’era un orientamento favorevole a concedere sì nuovi margini ma fino al 2,3%. Si tratterà comunque di utilizzare, come ha puntualizzato il premier, non la flessibilità prevista dalla comunicazione Juncker ma le circostanze eccezionali previste dai Trattati. Margini che comunque saranno essenziali per comporre la prossima manovra con cui saranno “scongiurati” aumenti di tasse legate alle clausole di salvaguardia, come ha confermato Padoan e che vedrà “un aumento” della spesa sanitaria, come ha garantito il premier pur non entrando nel dettaglio delle cifre.

Nel suo giudizio Bruxelles sarà del resto influenzata anche dalla gestione del debito: contravvenendo agli impegni presi in aprile, nel 2016 il rapporto con il Pil salirà – anziché scendere – fino al 132,8% per poi intraprendere la strada della discesa solo dal 2017 (quando si dovrebbe attestare al 132,2%). “Il debito/Pil non scende, lo ammetto io”, ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, sottolineando però che la dinamica consentirà di mantenere fissato per il 2019 il pareggio, quindi con uno sforzo maggiore spostato sul prossimo biennio. D’altronde, il programma di privatizzazioni ha subito uno stop ma solo per evitare di “svendere” in condizioni di mercato di estrema volatilità.