Blitz quotidiano
powered by aruba

Elezioni Milano: in lista showgirl, donne velate, calciatori

MILANO – Elezioni comunali a Milano, sfida tra manager prestati alla politica. Ma con sorprese in lista: c’è una donna musulmana velata, Sumaya Abdel Qader, una ex showgirl come Simona Tagli e un ex calciatore, Daniele Massaro. 

In corsa per diventare il prossimo sindaco della città ci sono per il centrodestra Stefano Parisi, ex direttore generale di Confindustria ed ex amministratore delegato di Fastweb, e per il centrosinistra Giuseppe Sala, reduce dall’avventura di Expo che ha gestito come commissario unico e amministratore delegato. Entrambi hanno alle spalle un’esperienza come city manager del Comune in giunte di centrodestra: Parisi con quella del sindaco Gabriele Albertini e Sala con Letizia Moratti.

Sono loro – sorprese a parte – che si giocheranno la partita delle comunali, probabilmente al ballottaggio. Gli ultimi sondaggi li danno ormai quasi testa a testa. Parisi è l’uomo che a Milano ha unito il centrodestra, schieramento che è diviso a Roma. La coalizione che lo sostiene comprende tutti i principali partiti, dalla Lega a Forza Italia, insieme a Fratelli d’Italia e Area popolare (Ncd-Udc). Nelle liste, appena depositate agli uffici comunali, si sono candidati alcuni big della politica nazionale: il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, la coordinatrice lombarda di Forza Italia ed ex ministro, Mariastella Gelmini, l’ex ministro e capogruppo di Area popolare alla Camera, Maurizio Lupi. A guidare la lista civica di Parisi è l’ex sindaco di Milano e ora senatore di Scelta civica, Gabriele Albertini. Sala ha vinto invece le primarie del centrosinistra. Nelle liste che lo sostengono ci sono alcuni asri uscenti.

In quella del Pd il capolista è Pierfrancesco Majorino (asre alle Politiche sociali), nella stessa lista anche Milly Moratti, moglie di Massimo ed ex consigliere comunale. Capolista della lista ‘arancione’ Sinistra per Milano (Sel, Verdi, una parte del Pd) è la scrittrice e moglie del cantautore Roberto Vecchioni, Daria Colombo.

Nelle liste delle due coalizioni non mancano i candidati che hanno scatenato polemiche: come Francesco Sicignano, il pensionato che alcuni mesi fa ha ucciso un rapinatore che si era introdotto nella sua villetta, candidato per Forza Italia, o Sumaya Abdel Qader per il Pd, accusata dalla destra di essere legata ai Fratelli musulmani. Tra i volti noti ci sono la ex showgirl Simona Tagli, con Fratelli d’Italia, e l’ex calciatore di Milan e Fiorentina, Daniele Massaro, per Forza Italia.

Candidato sindaco per il Movimento 5 stelle è Gianluca Corrado, avvocato che è sceso in campo dopo il ritiro di Patrizia Bedori. Il Movimento è l’incognita delle elezioni di Milano: Corrado, al terzo posto nei sondaggi, ha sempre detto che il Movimento al ballottaggio, se sarà escluso, non darà indicazioni di voto. A Milano in tutto sono 9 i candidati sindaco e 17 le liste presentate per il Consiglio comunale.