Blitz quotidiano
powered by aruba

Elezioni Roma, sondaggio. Raggi ballottaggio, dietro bagarre

ROMA – A meno di un mese dal voto che eleggerà il nuovo sindaco di Roma i sondaggi sembrano dare una sola certezza: sarà ballottaggio e sarà Virginia Raggi contro qualcun altro. Il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, infatti, secondo quanto riportato dall’ultimo sondaggio realizzato da Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera, al primo turno sembra staccare nettamente tutti gli altri candidati, sia come numero di voti sia come indice di gradimento.

Dietro Raggi, invece, è bagarre e incertezza massima: la mossa di Berlusconi di scaricare Guido Bertolaso e appoggiare Alfio Marchini sembra infatti aver complicato la vita, e non poco, a Gi Meloni e Roberto Giachetti. I dati di Pagnoncelli:

Virginia Raggi si conferma in testa con il 29,5% delle preferenze (+2% rispetto a marzo), seguita da Gi Meloni con il 21,5% (anch’essa in crescita: +1,5%), Roberto Giachetti con il 20% (in calo del 2,5%), Alfio Marchini con il 19,5%, in forte crescita (+13%) rispetto al precedente sondaggio realizzato quando Bertolaso era ancora in campo. A seguire Stefano Fassina con il 5,5% (+2%) e gli altri candidati che, tutti insieme, raggiungono il 4%. È opportuno sottolineare che le differenze tra le intenzioni di voto di Meloni, Giachetti e Marchini non sono statisticamente significative: per questo motivo lo scenario del primo turno è all’insegna dell’incertezza.

Al secondo turno, sempre secondo Pagnoncelli, non c’è però storia. Con Virginia Raggi super favorita chiunque sia l’avversario:

Incertezza che, al contrario, non sembra emergere dalle ipotesi di ballottaggio nelle quali Virginia Raggi continua a prevalere contro tutti, aumentando il proprio vantaggio rispetto al precedente sondaggio: al momento prevale su Meloni (52,5% a 47,5%), Giachetti (55,2% a 44,8%) e Marchini (54,3% a 45,7%). Abbiamo testato tutte le ipotesi di ballottaggio tra i candidati principali: oggi Meloni prevale su Giachetti (55,2 a 44,8) e Marchini (52,9% a 47,1%), mentre Marchini prevale su Giachetti (54,4% a 45,6%). Da ultimo i partiti. Il M5S si mantiene in testa con il 31,5% (+1,7% rispetto a marzo), seguito dal Pd (22,6%), FdI (10,8%), FI (9,7%), Lista Marchini (5,4%), Lega (4,3%). Da sottolineare l’elevato livello di astensione di lista e indecisione (53,2%) e la difficoltà di confronto con precedenti elezioni e sondaggi a causa della presenza delle liste civiche e delle liste dei candidati.