Blitz quotidiano
powered by aruba

Elezioni Roma, sondaggio: Raggi prima, Bertolaso che flop!

ROMA – Virginia Raggi in testa, segue Roberto Giachetti in vantaggio di una incollatura su Gi Meloni. Flop Guido Bertolaso, Alfio Marchini non sfonda e Stefano Fassina chiude il sestetto. Mario Adinolfi? Non pervenuto, neppure conteggiato. E’ il risultato di un sondaggio sulle intenzioni di voto per le prossime elezioni amministrative in programma per giugno a Roma realizzato da Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera.  Dai numeri emerge chiaro un fatto: l’elettorato è incerto e frammentato come non mai. E ad avvantaggiarsi potrebbe essere proprio M5s (ricordate la dichiarazione sul “complotto per far vincere il Movimento 5 Stelle a Roma?).

I numeri di Pagnoncelli dicono

1) Virginia Raggi 27,5%

2) Roberto Giachetti 22,5%

3) Gi Meloni 20%

4) Guido Bertolaso 12%

5) Alfio Marchini 6,5%

6) Ignazio Marino 4% (ma non si candiderà)

7) Stefano Fassina 3,5%

Tradotto: con questi numeri ci sarebbe il ballottaggio più prevedibile alla vigilia: quello tra Raggi e Giachetti con la grillina favorita (su di lei potrebbero convergere i voti di parte degli elettori di destra).

Così Pagnoncelli sul Corriere:

 Virginia Raggi al momento si colloca in testa alla graduatoria delle intenzioni di voto con il 27,5% delle preferenze, seguita da Roberto Giachetti (22,5%), Gi Meloni (20%) e, più staccati, Guido Bertolaso (12%) e Alfio Marchini (6,5%). Il sindaco dimissionario Ignazio Marino che, come detto, non si candiderà è accreditato del 4%. L’area «grigia» costituita da astensionisti (36,3%) e incerti (15,5%) è molto ampia e riguarda poco più di un romano su due. Sebbene sia poco opportuno sommare algebricamente le intenzioni di voto per Meloni e Bertolaso, l’area del centrodestra presenta un risultato di grande interesse. Tenuto conto di ciò che potrà avvenire nelle prossime settimane, proprio nello schieramento di centrodestra (possibile ritiro di candidature per ridurre la frammentazione e convergere su un solo nome), nel sondaggio abbiamo voluto testare diverse ipotesi di ballottaggio