berlusconi

Venezia: all’esordiente Michelle Bonev un saluto di Berlusconi e un premio, consegnato da due ministri, un sottosegretario e una deputata Pdl

michelle bonev

Michelle Bonev in una foto del 2007

Insolita presenza, insolita premiazione e insoliti saluti al Festival del Cinema di Venezia. Nel pomeriggio ha vinto il premio “Action for Women”, e poi proiettato, il film “Goodbye Mama”, opera prima di produzione italo-bulgara sui diritti delle donne. Fin qui nulla di strano. Se non fosse che la regista della pellicola, alla sua prima prova da regista, è Michelle Bonev.

Chi è? Bulgara, 39 anni ad ottobre, è arrivata poverissima in Italia negli anni 90 senza una particolare specializzazione, ma questo non le ha impedito una serie di miracolosi debutti, nell’ordine:

San raffaele

– La prima volta che approda in tv, ci arriva come opinionista al dopo Festival di Sanremo nel 2003, accanto a Pippo Baudo. Nei giorni precedenti i giornali scrivevano che dovesse fare addirittura la co-conduttrice.

– Il primo libro che scrive, glielo pubblica la Mondadori, la più grande casa editrice italiana (di proprietà Berlusconi, ricordiamo). Su Panorama, diretto da Carlo Rossella, esce una recensione che la paragona ad una a metà “fra la Yourcenar e la Sarfatti”. La recensione è firmata Giampiero Mughini, che però intervistato da Claudio Sabelli Fioretti racconta: “A me Rossella ne ha fatta una che non gli perdonerò finché campo. Ti ricordi Michelle Bonev? Era una bella ragazza bulgara che aveva affascinato Agostino Saccà a quel tempo gran capo Rai. L’aveva addirittura scritturata come coconduttrice del dopo festival di Sanremo. Dopo un paio di anni Rossella mi avvertì che Michelle stava per pubblicare un libro da Mondadori e mi chiese di farci un pezzo. Io lessi da cima a fondo il libro, una porcata inaudita, incontrai la ragazza e la trovai molto simpatica, una tipica ragazza dell’Est, di ferro, di quelle che se si scontrano con un carro armato lo abbattono. Scrissi un pezzo equilibratissimo, con mano maestra, con la giusta dose di ironia, ma assolutamente corretto e non offensivo nei confronti della ragazza. Rossella, a mia insaputa, cambiò totalmente il pezzo, trasformando Michelle in una sintesi tra una Yourcenar e una Sarfatti. Lasciando la mia firma. Non glielo perdonerò mai»

– Il primo ruolo di attrice (se si eccettua una prova da comparsa nella “passione di Cristo” di Mel Gibson) lo ottiene in una fiction Rai, “La bambina dalle mani sporche”, di Renzo Martinelli, dove è subito coprotagonista. Poi è protagonista in “L’uomo che sognava le aquile”, con Terence Hill e in “Operazione Pilota”, al fianco di Massimo Ranieri. Poi è protagonista assoluta in “Artemisia Sanchez”, grossa produzione italo-franco-spagnola, riprese finite nel 2006, però viene proposta in tv solo nel 2008.

– Siamo ai giorni d’oggi: è alla sua prima prova da regista e da produttrice e approda al Festival di Venezia con un film che però non è né in gara né in una selezione speciale. Ma questo non le impedisce di essere premiata (per una pellicola di cui stampa e tv conoscono pochissimo di contenuto e trama) da ben due ministri, un sottosegretario, un deputato e con un “caloroso saluto” inviato direttamente dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Pagine: 1 2

4 Comments

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top