Blitz quotidiano
powered by aruba

Giarrusso attacca Finocchiaro, Zanda (Pd): “Getta fango solo per accreditarsi in M5s”

ROMA – Il senatore del Movimento 5 stelle Michele Giarrusso invia alla presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, la richiesta di una audizione della senatrice Anna Finocchiaro (Pd) su una precedente audizione dell’avvocato Paolo Romeo, poi arrestato con l’accusa di legami con la ‘ndrangheta. E Luigi Zanda, presidente dei senatori del Pd, commenta così le parole di Giarrusso:

“Con una delle sue abituali dichiarazioni farneticanti, il senatore Giarrusso tenta di diffamare Anna Finocchiaro. Quello della diffamazione a tutto campo è un gioco che Giarrusso sta praticando dall’inizio della Legislatura attraverso dichiarazioni pubbliche e interventi d’Aula il più delle volte sguaiati e incomprensibili. Non si azzardi a gettare fango su una persona perbene come Anna Finocchiaro al solo fine di cercare credito nel suo movimento”.

La stessa senatrice Finocchiaro ha risposto respingendo al mittente le accuse di Giarrusso:

“Trovo sinceramente offensive, strumentali e capziose le richieste e le argomentazioni del senatore Giarrusso. Ho già avuto modo ad agosto, nell’aula di Palazzo Madama, di ricostruire l’esatta dinamica di quanto avvenuto in commissione Affari costituzionali. E del resto tutti i membri di quella commissione, compresi i senatori del M5S, possono testimoniare e sanno come si sono svolte le cose. Com’è ovvio, quando un singolo avanza una richiesta si avvia una verifica di chi sia la persona che chiede di avere ingresso nelle Aule del Senato e di essere audita da una Commissione. La richiesta di audire l’associazione Cittadinanza attiva, presente dal 1978 (prima con il nome di Movimento federativo democratico) e attiva in tutte le Regioni d’Italia, o meglio il complesso delle associazioni che a Reggio Calabria si riferiscono e sono federate a tale associazione, è venuta da un Gruppo parlamentare rappresentato in Commissione”.