Politica Italia

Grandi eventi, la ricetta Minniti: “Protezione civile e vigili urbani per gestire la sicurezza in piazza”

Grandi eventi, la ricetta Minniti: "Protezione civile e vigili urbani per gestire la sicurezza in piazza"

Grandi eventi, la ricetta Minniti: “Protezione civile e vigili urbani per gestire la sicurezza in piazza”

ROMA – Grandi eventi, la ricetta Minniti: “Protezione civile e vigili urbani per gestire la sicurezza in piazza”. “Studiare nuovi metodi di prevenzione e gestione del panico” per evitare che si possa ripetere quanto accaduto sabato sera a Torino.

La formula cui pensa il ministro dell’Interno, Marco Minniti, come spiega in un colloquio con La Stampa, è la “gestione integrata della piazza”, da parte di “forze dell’ordine assieme a Protezione civile, Vigili del fuoco e vigili urbani”, affiancando alla ‘security’, assicurata da forze dell’ordine ed esercito, il concetto di ‘safety’.

Minniti sottolinea il “collegamento emotivo diretto tra l’attentato di Manchester e il panico di Torino. Là c’è stato l’attacco, qui s’è innescata la paura: l’effetto che i terroristi volevano creare lo abbiamo avuto noi”. Per evitare che la folla corra in ogni direzione servono tecniche innovative, come “indicare le vie di fuga prima dell’ evento, ad esempio utilizzando una star oppure un calciatore che sale sul palco e spiega al pubblico dove andare in caso di necessità. E’ una ipotesi sulla quale lavorare”: uno dei compiti dello Stato è “saper governare gli animi anche in caso di emergenza”.

Occorre, ora “ricostruire nel dettaglio cosa non ha funzionato affinché non si ripeta più”. “Non è il momento di dire di chi è la colpa di ciò che è accaduto: c’è un’inchiesta della magistratura in corso, ci sono state delle carenze sulle quali bisogna fare luce. Ma l’obiettivo finale è ricostruire la verità storica dei fatti che porterà a migliorare la sicurezza degli italiani stessi”, conclude.

To Top