Politica Italia

Legge elettorale, primo sì della Camera alla fiducia sul Rosatellum

legge-elettorale-camera-fiducia

Legge elettorale, primo sì della Camera alla fiducia sul Rosatellum (Foto Ansa)

ROMA – La Camera ha confermato la fiducia al governo sul primo e sul secondo articolo della legge elettorale. I voti a favore sono stati nel primo caso 307, 90 i contrari, nove gli astenuti, nel secondo caso i voti a
favore sono stati 308, 81 i contrari, otto gli astenuti. Giovedì mattina, a partire dalle 9, si terranno le dichiarazioni di
voto sulla terza ed ultima fiducia, quella posta sull’articolo 3
del testo.

Il voto si è svolto mentre fuori da palazzo Montecitorio infuriava la manifestazione del Movimento 5 stelle, con fischi rivolti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Lo stesso Beppe Grillo ha rilasciato dichiarazioni infuocate sul cosiddetto Rosatellum bis. Ma critiche sono arrivate anche da Mdp e Sinistra italiana, che hanno convocato i loro sostenitori a piazza del Pantheon per le 17:30, e dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che critica il metodo con cui la legge è arrivata in aula.

“La fiducia sulla legge elettorale è un atto eversivo. Solo Mussolini aveva fatto cose simili”, ha tuonato Alessandro Di Battista alla trasmissione Circo Massimo, su Radio Capital, intervistato da Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto.

Il deputato del Movimento 5 Stelle ha invitato il presidente della Repubblica a “pensarci 100, 1000 volte prima di firmare il Rosatellum bis” e ha parlato di “democrazia in pericolo, è a rischio. Il Parlamento viene composto dai rappresentanti del popolo. Con questa legge sarà composto da rappresentanti dei partiti”.

To Top