Politica Italia

Lettera firmata Isis al ministro Orlando: Ti tagliamo testa

Lettera firmata Isis al ministro Orlando: Ti tagliamo testa

Andrea Orlando

ROMA – “Ti taglieremo la testa”. E’ l’inquietante messaggio contenuto in una lettera di minacce firmata Isis e contenente due proiettili. L’hanno inviata al ministro della Giustizia Andrea Orlando. La missiva, riporta l‘Ansa, era scritta in arabo e aveva l’indirizzo in inglese: è stata recapitata al ministero di via Arenula.

I proiettili inseriti nella lettera sono due di tipo Ak47, quelli del kalashnikov. L’indirizzo sarebbe stato scritto sulla busta con un normografo e la lettera sarebbe giunta a Fiumicino e poi da qui a via Arenula, sede del ministero di cui Orlando è titolare. Della vicenda si sta occupando la Procura di Roma.

Terrificante il testo del messaggio, firmato Isis: “Entreremo a Roma – è scritto in arabo – e taglieremo la tua testa“. La lettera si chiude con le parole “Allah akhbar”, ossia “Allah è grande”.

Solidarietà al ministro è stata espressa dal Presidente dei senatori Pd, Luigi Zanda: “Voglio esprimere solidarietà e amicizia al ministro Orlando e anche ringraziarlo per la qualità del suo ottimo lavoro in difesa dei principi della giustizia e della legalità, cardini della nostra democrazia”.

Zanda condanna “fermamente il vile atto intimidatorio di cui il ministro della Giustizia è stato vittima”, ed esprime vicinanza da parte di “tutte le senatrici e dei senatori del Partito democratico”.

Solidarietà anche dal capogruppo Pd alla Camera, Ettore Rosato: “Non saranno le minacce inquietanti nei confronti del ministro Orlando a condizionare il nostro lavoro di tutti i giorni per dare ai cittadini maggiore sicurezza e serenità nella vita quotidiana. Siamo fortemente impegnati, e lo saremo sempre di più, nel contrastare il terrorismo e la criminalità. Al ministro Orlando, nell’esprimere la solidarietà mia personale e di tutti i deputati del Pd, l’invito a proseguire nella sua efficace azione di governo”.

Michele Bordo presidente Pd della Commissione per le Politiche Ue ha twittato: “Si faccia subito chiarezza sugli artefici di questo gesto intimidatorio”

To Top