Politica Italia

Liste pulite, ok dalle Commissioni della Camera. Ora in Cdm

Liste pulite, ok dalle Commissioni della Camera. Ora in Cdm

Il ministro della Giustizia, Paola Severino (Foto Lapresse)

ROMA – Via libera alle liste pulite dalle commissioni Giustizia e Affari costituzionali alla Camera. Dopo il passaggio in Consiglio dei Ministri  il decreto potrà entrare in vigore prima della composizione delle liste per elezioni politiche.

Il decreto è stato approvato all’unanimità.

Il decreto esclude dal Parlamento e dal governo chi ha avuto condanne sopra i due anni di carcere per reati di allarme sociale, come mafia o terrorismo, e contro la Pubblica Amministrazione, come corruzione, concussione e peculato.

Sarà incandidabile anche chi sia stato condannato a più di due anni per delitti non colposi per i quali sia prevista una pena massima di almeno 4 anni (in questa categoria rientrano reati come lo stalking, l’aggiotaggio, i reati fiscali e il voto di scambio).

To Top