Politica Italia

Luigi Di Maio bacia la teca di San Gennaro: primo atto pubblico da candidato

Luigi Di Maio bacia la teca di San Gennaro: primo atto pubblico da candidato

Luigi Di Maio bacia la teca di San Gennaro: primo atto pubblico da candidato

ROMA – Luigi Di Maio bacia la teca di San Gennaro: primo atto pubblico da candidato. Bacio alla teca con le reliquie del santo: Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e candidato in pectore per la carica di premier del Movimento 5 Stelle, non si sottrae al rito e quando il cardinale Crescenzio Sepe gli porge l’ampolla che contiene il sangue di San Gennaro, a miracolo della liquefazione avvenuto, Di Maio la bacia in segno di devozione.

Parla di “forte emozione” nell’essere presente, “per la prima volta” alla celebrazione della festa di San Gennaro, patrono della città e della Campania Non ha voluto, tuttavia, commentare la candidatura provocatoria di Roberto Saviano a premier per i grillini, rispondendo con un ‘No’, e aggiungendo, lasciando poi il Duomo: “non faccio dichiarazioni”.

“È la prima volta che vengo in Duomo – ha affermato – è un grande momento legato alla nostra religione e alla fede, sono un fedele e quindi mi faceva piacere esserci, l’ho vissuto prima di tutto come cittadino, poi come istituzione”. Al termine della cerimonia, Di Maio, come da consuetudine, insieme con le altre autorità presenti, si è incamminato lungo la navata per raggiungere la basilica di Santa Restituta. Per lui molte strette di mano da parte della gente che, fin dalle prime ore del mattino, ha affollato la chiesa cattedrale e inviti a “non mollare e cacciare via tutti i politici”.

To Top