Blitz quotidiano
powered by aruba

M5s, il Foglio: “Casaleggio spia le email dei parlamentari”

ROMA – Le email dei deputati e dei senatori del Movimento 5 stelle sarebbero state spiate 24 ore su 24 dalla Casaleggio Associati, la società che fa capo a Gianroberto Casaleggio, tra i fondatori del Movimento. E’ quanto rivela un articolo del quotidiano Il Foglio firmato da Salvatore Merlo.

Il Movimento 5 stelle, attraverso il suo leader Beppe Grillo, smentisce e parla di “fango” sul suo blog:

La paura sale per le amministrative e il fango è pronto per essere tirato contro il MoVimento 5 Stelle. Anche le querele sono pronte e vengono inviate regolarmente. Ogni tanto è necessario tuttavia fare anche qualche precisazione. Relativamente all’articolo del Foglio scritto da Salvatore Merlo (già oggetto di precedente querela per testi non veritieri e diffamanti sul MoVimento 5 Stelle e su Casaleggio Associati) si precisa e ricorda che i due fatti a cui si fa riferimento sono stati chiariti in modo pubblico all’epoca dei fatti (qui) e Casaleggio Associati non ha mai avuto accesso al server in questione come già dichiarato”.

Intanto, però, il Partito democratico chiede chiarezza. Il senatore Pd Stefano Esposito ha intenzione di depositare una interrogazione al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, per chiarire quanto accaduto.

Il Foglio riferisce le dichiarazioni di Tancredi Turco, fino a gennaio 2015 deputato M5S, secondo il quale la società del guru del movimento ha “accesso al nostro sistema di archiviazione e comunicazione interno, dove si depositano documenti”.

Gli episodi di spionaggio sarebbero numerosi. Nel 2013 qualcuno violò la casella elettronica di Giulia Sarti, giovane deputata emiliana fidanzata fino al 2012 con il più noto degli espulsi e accusatore di Casaleggio, Giuseppe Favia.

Nell’ottobre 2014 ci furono sospetti di hackeraggio di e-mail con la cancellazione di mail di circa 30 parlamentari del Movimento 5 stelle.  La Casaleggio Associati negò ogni coinvolgimento e annunciò una “denuncia contro ignoti”.

 


PER SAPERNE DI PIU'