Blitz quotidiano
powered by aruba

M5s verso espulsione del sindaco di Gela, Domenico Messinese

Ventiquattr'ore dopo la cacciata della senatrice Serenella Fucksia il Movimento di Beppe Grillo pensa ad una nuova espulsione

GELA – Nuova espulsione per il Movimento 5 stelle: dopo la senatrice Serenella Fucksia rischia di essere cacciato il sindaco di Gela, Domenico Messinese, eletto a giugno.

Lunedì 28 dicembre Messinese ha “silurato” tre assessori grillini, i responsabili di istruzione, trasporti e programmazione, accusandoli di agire contro l’amministrazione.

Come spiega Emanuele Lauria su Repubblica, 

 

“Il movimento nella città del Petrolchimico è spaccato. Uno dei due meet-up, i tre assessori defenestrati e quasi per intero la rappresentanza in consiglio comunale di 5 Stelle accusano da tempo il sindaco di “metodi clientelari” e di avere una posizione “filo-Eni” nella vertenza sul futuro del polo industriale. La richiesta è quella di togliere il simbolo del M5S a Messinese. In questo momento il primo cittadino può contare su una “maggioranza” virtuale composta da un solo consigliere comunale su 30″.

I vertici del Movimento 5 stelle si sono mobilitati per decidere il da farsi. C’è stato un giro di telefonate che ha coinvolto anche il cofondatore del movimento, Gianroberto Casaleggio. 

La vicenda di Messinese è stata criticata da Ernesto Carbone, della segreteria del Pd:

“In quella sorta di giostra del saracino che è il M5s oggi tocca al loro sindaco di Gela. Ieri hanno fatto secca la Fucksia, l’altro ieri i tre consiglieri di Livorno, oggi sotto un altro. I 5 stelle esistono solo nel blog del duo bananas. Non passa giorno che a contatto con la realtà si riveli la loro inadeguatezza. I grillini nella loro inconsistenza si decompongono in un tripudio di di lucrosi click per la gioia di Grillo e Casaleggio”.


PER SAPERNE DI PIU'