Blitz quotidiano
powered by aruba

Marco Pannella, la lettera a Papa Francesco. Testo integrale

ROMA – “Ho preso in mano la croce che portava mons. Romero, e non riesco a staccarmene”. Così ha scritto Marco Pannella in un post scriptum nella lettera inviata a Papa Francesco e resa nota da Famiglia Cristiana.

“Caro Papa Francesco, ti scrivo dalla mia stanza all’ultimo piano – vicino al cielo – per dirti che in realtà ti stavo vicino a Lesbo quando abbracciavi la carne martoriata di quelle donne, di quei bambini, e di quegli uomini che nessuno vuole accogliere in Europa. Questo è il Vangelo che io amo e che voglio continuare a vivere accanto agli ultimi, quelli che tutti scartano. Questa passione è il vento dello ‘Spirito’ che muove il mondo. Lo vedo dalla mia piccola finestra con le piante impazzite che si muovono a questo vento e i gabbiani che lo accompagnano. In questo tempo non posso più uscire, ma ti sto accanto in tutte le uscite che fai tu. Un pensiero fisso mi accompagna ancora oggi: ‘Spes contra spem’. Caro Papa Francesco, sono più avanti di te negli anni, ma che credo che anche tu ti trovi a dover vivere ‘spes contra spem’. Ti voglio davvero bene, tuo Marco”. (Lettera a Papa Francesco, Famiglia Cristiana)

La croce di Romero oggi la porta attorno al collo monsignor Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia.  E’ stato lui a spiegare a Pannella l’origine di quella croce. “Marco mi ha chiesto di indossarla, non voleva più staccarsene. E alla fine, quando prima di andare via me la sono ripresa, dentro di me ho sentito un po’ di rimorso per avergliela tolta”. La lettera di Pannella, spiega il settimanale dei Paolini, è stata portata al papa da monsignor Paglia.

Il 2 maggio, giorno del compleanno di Pannella, Francesco gli ha mandato in regalo il suo libro sulla Misericordia e una medaglia. Mons. Paglia conosce e frequenta Pannella dai primi Anni Novanta. Nelle ultime settimane si sono visti più spesso. “A marzo ero alla Casa del Divin Maestro di Ariccia con il Papa e gli altri prelati della Curia durante gli esercizi spirituali di Quaresima”, ha raccontato Paglia a Famiglia Cristiana, “quando ho ricevuto una telefonata di Pannella. Voleva vedermi. Ho informato il papa e lui mi ha detto. “Vai di corsa”. Prendo la macchina e lo raggiungo. Lui stava a letto un po’ rattristato, ci siamo abbracciati e poi abbiamo cominciato una delle nostre lunghe chiacchierate”. Pochi giorni fa l’ultima telefonata, ma Pannella, ormai sopraffatto dai dolori, non poteva più rispondere. “Mentre parlavo con Matteo Angioli sentivo in sottofondo i suoi lamenti”, dice Paglia, “il mio amico Marco aveva ormai finito di combattere la sua battaglia”.