Politica Italia

Matteo Renzi contro Di Maio e Di Battista: “Guadagno meno di loro”

Matteo Renzi contro Di Maio e Di Battista: "Guadagno meno di loro"

Matteo Renzi contro Di Maio e Di Battista: “Guadagno meno di loro”

ROMA – Matteo Renzi all’attacco del Movimento 5 stelle: “Io non ho vitalizi e mai li avrò. Ho anche rinunciato alla pensione privata. Da premier guadagnavo la metà di quello che guadagnano Di Battista e Di Maio dopo che hanno restituito una parte dello stipendio, o, almeno, dicono di averlo fatto”.

L’ex presidente del Consiglio sferra la stoccata in una intervista al Corriere della Sera in cui parla di tutto, dal caso Consip a Minzolini. “C’è un racconto su Renzi il burattinaio che non esiste”, dice a proposito della abolizione dei voucher decisa dal governo Gentiloni per scongiurare il referendum indetto dalla Cgil.

Sul caso Minzolini dice che lui, se fosse stato in Parlamento, avrebbe votato a favore della decadenza, perché ” il Parlamento non sia il quarto grado della magistratura” e “finché c’è la legge Severino quello che valeva per Berlusconi deve valere anche per gli altri”.

Alla domanda se abbia più nostalgia di Palazzo Chigi o del Nazareno, Renzi risponde “in questo momento né dell’uno né dell’altro”. Anche se dalla sua nuova visibilità non sembrerebbe forse così. Non manca neppure una stoccata a Pierluigi Bersani, che sostiene che bisogna allearsi con i grillini per fermare la destra. “Non commento Bersani da qualche mese…”, risponde lapidario Renzi.

Respinge le accuse di aver creato un “sistema di potere toscano”: “Questo è uno dei temi più ridicoli che abbia mai sentito, risponde. Anche se l’argomento è molto serio”, ammette.

 

 

To Top