Politica Italia

Migranti, a Trapani una Ong è sotto inchiesta: “Agiva senza Sos”

Migranti, a Trapani una Ong è sotto inchiesta: “Agiva senza Sos”

Migranti, a Trapani una Ong è sotto inchiesta: “Agiva senza Sos”

TRAPANI – Sul traffico di migranti tra la Libia e l’Italia e sul ruolo delle Ong c’è una inchiesta penale a tutti gli effetti: una organizzazione non governativa è ufficialmente indagata dalla procura di Trapani per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’indagine – dice Panorama – viene condotta nel massimo riserbo dalla Polizia di Stato ed è partita dopo una operazione in mare della nave della Ong, che sarebbe entrata in azione senza aver ricevuto un Sos e neppure una richiesta di intervento da parte delle autorità italiane.

Dell’inchiesta aveva parlato anche il procuratore aggiunto di Trapani Ambrogio Cartosio durante una trasmissione su Rai 3:

”Le Ong hanno necessariamente un proprio codice etico che prescinde dalla legislazione nazionale dei singoli Stati in cui operano – ha detto il pm – Hanno necessità di muoversi liberamente in acque internazionali e ci sono Paesi in cui il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina è reato, come l’Italia, altri in cui non lo è. Non c’ dubbio che una persona può muoversi per spirito umanitario ma può per questa regione commettere un reato. Noi facciamo i magistrati. Possiamo capire umanamente un determinato comportamento ma se c’e’ una legge dobbiamo applicarla”. ”Rimangono interrogativi sul business dell’accoglienza che non è tutto spirito umanitario – aveva aggiunto – In un territorio ad alta densità mafiosa dobbiamo stare attenti che non ci sia l’infiltrazione della mafia in questo affare”.

Intanto il Parlamento europeo ha accettato la richiesta del Movimento 5 Stelle di convocare in un’audizione tutti gli attori coinvolti nel Mar Mediterraneo, comprese le ONG che operano in Italia e Grecia.

LEGGI ANCHE: Migranti, le 13 ong con “contatti con gli scafisti”. E i finanziatori sospetti

LEGGI ANCHE: Migranti, ecco conti e attività Ong nel mirino del magistrato di Catania Carmelo Zuccaro

To Top