Blitz quotidiano
powered by aruba

Di Maio (M5s) “ragazzino montato”. Zanda (Pd): lo dicono i suoi e “hanno ragione”

ROMA – “Un ragazzino montato”, questo il commento del capogruppo in Senato del Pd Luigi Zanda, che condivide così il pensiero di molti esponenti del Movimento 5 stelle, che sarebbero già stanchi delle manie di protagonismo dimostrate da Luigi Di Maio.

Il deputato del Movimento 5 stelle finito alle cronache per il caso Muraro del campidoglio a Roma. Dopo la magra figura della mancata trasparenza, che ha portato all’azzeramento del mini-direttorio per Virginia Raggi, ecco la nuova figura via cinguettio in cui dà al premier Matteo Renzi del dittatore.

“Un ragazzino montato”, come lo hanno definito anche altri esponenti M5s esasperati dal protagonismo di Di Maio, che puntava a diventare premier in caso di successo della Raggi al Comune di Roma. Zanda ha commentato:

“Ho letto che i colleghi 5 stelle di Di Maio lo considerano un ‘ragazzino montato’. È certamente vero. Un ragazzino montato che ricopre indegnamente un’alta carica pubblica”.