Blitz quotidiano
powered by aruba

Primarie Pd, Borriello: Davo euro per cortesia, era freddo

ROMA – Primarie Pd, Borriello: Davo euro per cortesia, era freddo. Le prime ammissioni, Antonio Bassolino che si dice “disgustato”, il Movimento 5 Stelle che ironizza e infierisce e il Pd, di Napoli e non solo, che dalle primarie di centrosinistra che hanno incoronato Valeria Valente come candidato sindaco, esce con le ossa rotte. Tutto nasce dal caso del video in cui si vedono alcuni consiglieri dare euro e consigli di voto.

L’ultima notizia, in mero ordine di tempo, è l’apertura di un’inchiesta da parte della procura di Napoli, contro ignoti. Inchiesta che parte sulla base del video diffuso ieri in cui si vedono alcuni consiglieri comunali del Pd distribuire monete da un euro ai seggi dove si votava e spiegare la procedura per votare per la Valente. Uno dei consiglieri in questione è Antonio Borriello, un fedelissimo di Bassolino fino a qualche mese fa che ha scelto di sostenere la Valente. Lui è uno dei consiglieri ripresi mentre dispensa monetine da un euro e dà istruzioni per far votare la Valente. La sua difesa è di quelle che strappano un sorriso anche se la questione è di quelle serie:

“L’ho fatto per non essere scortese come partito – spiega Antonio Borriello, consigliere comunale – faceva freddo, erano venuti lì, non avevano l’euro e così gliel’ho dato io”. Il video girato da Fanpage dice di non averlo visto e aggiunge: “Qurelerò Fanpage. Il gesto l’ho fatto davanti a tutti, mica di nascosto. C’erano anche altri”. Quell’euro Borriello lo ha dato davanti a un seggio di San Giovanni a Teduccio, suo quartier generale, zona dove si è registrata un’altra concentrazione di voti a favore della Valente.

“Io quella signora neanche la conoscevo – racconta il consigliere comunale, che nel video saluta la donna – e non ricordavo neanche l’episodio. Forse l’ho fatto anche un’altra volta, neanche ricordo. Alcune persone sono arrivate ai seggi senza l’euro necessario per il contributo e così, per cortesia, gliel’ho dato io”.

Chi l’ha presa malissimo, ed è ovvio, è Antonio Bassolino che quelle primarie le ha perse per meno di 500 voti. “Sono disgustato dalle immagini del video di Fanpage.it ed anche dalle ridicole interpretazioni che ne sono state date. Questo mercimonio è una ferita profonda per tutti quelli che hanno creduto nelle primarie come libera partecipazione democratica”.

Il presidente del Pd Matteo Orfini, invece, si limita a dire che “verranno presi provvedimenti” ma che “non ci sarà annullamento della consultazione”. “E’ un partito che ha delle regole, non posso decidere io, nè è giusto che io dica cosa si debba fare su un fatto di cui ho visto solo un video: c’è una commissione competente che assumerà una decisione sulla base dei fatti”. Così il presidente del Pd Matteo parlando con i cronisti sulle primarie a Napoli. “Se ho capito bene nel caso specifico non c’è una persona che dà un euro per comprare un voto ma che dà l’euro che viene consegnato come pagamento delle primarie al seggio. Sostiene questa persona che c’ era una fila di persone senza l’euro e per non mandarle andare via senza farle votare ha consegnato l’euro. Non sono nelle condizioni per valutare questa vicenda, se c’è stato un comportamento inopportuno bisognerà prendere provvedimenti molto duri”.

Immagine 1 di 5
  • YOUTUBE Primarie Pd Napoli, sospetto brogli. Soldi per...4
Immagine 1 di 5