Politica Italia

Quarto (Napoli): consigliere M5S tenta estorsione a sindaco?

Quarto (Napoli): consigliere M5S tenta estorsione a sindaco

Quarto (Napoli): consigliere M5S tenta estorsione a sindaco

NAPOLI – Un consigliere comunale del “Movimento 5 stelle” del Comune di Quarto (Napoli) avrebbe attuato un tentativo di estorsione ai danni del sindaco del suo stesso partito. É quanto emerge da una inchiesta del pm della Dda di Napoli Henry John Woodcock che ha disposto una serie di perquisizioni eseguite dai carabinieri. Il consigliere comunale coinvolto nell’ inchiesta è Giovanni De Robbio, indagato anche per voto di scambio aggravato dall’aver agevolato attraverso richieste di assunzioni e nomine il clan camorristico dei Polverino. De Robbio avrebbe minacciato il sindaco, Rosa Capuozzo, riferendosi a un presunto abuso edilizio nell’abitazione di proprietà del marito della Capuozzo, chiedendo l’affidamento della gestione del campo di calcio a imprenditori da lui segnalati nonché la nomina di assessori, funzionari e di un consulente, sempre su sua indicazione.

E in serata, M5s afferma in una  nota di aver avviato le procedure di estorsione di De Robbio: “In merito all’inchiesta della Dda di Napoli condotta dal pm Woodcock che vede coinvolto il consigliere Giovanni De Robbio del comune di Quarto (Napoli), teniamo a sottolineare che con lettera datata 14 dicembre 2015 era stata già avviata la procedura di espulsione, con sospensione immediata dal M5S”.

”Nella lettera inviata a Del Robbio sottolineavamo – è scritto – che il suo comportamento ‘ha violato in modo grave, ripetuto e sostanziale gli obblighi assunti all’atto di accettazione della candidatura, ed i principi fondamentali di comportamento degli eletti del MoVimento 5 Stelle”’. ”Siamo lieti di vedere la piena efficacia dei nostri anticorpi, ed inoltre auspichiamo che la magistratura faccia piena luce su questa vicenda che ci vede parte offesa e che siano individuati tutti i responsabili. Da parte nostra assicuriamo piena e incondizionata collaborazione” conclude il comunicato del M5S.

To Top