Blitz quotidiano
powered by aruba

Radio Padania choc: “Meglio la mafia che lo Stato”

ROMA – “Meglio la mafia dello Stato italiano. La mafia al Sud almeno qualche servizio lo da”. Così Pier Luigi Pellegrini, giornalista di Radio Padania, ha risposto ad una ascoltatrice nel corso dello speciale sul raduno di Pontida. Parole choc che, neanche a dirlo, hanno sollevato non poche polemiche e reazioni di sdegno.

Primo fra tutti il segretario provinciale del Pd a Palermo, Carmelo Miceli:

“Una persona sana di mente – ha osservato Miceli – che, almeno una volta nella vita, si sia confrontato con la realtà mafiosa, tanto al Nord quanto al Sud, non si sognerebbe mai di sostenere quanto affermato a Radio Padania. Noi, donne e uomini del Partito democratico di Palermo, non vogliamo essere governati dalla mafia. Lottiamo giorno dopo giorno per affermare la legalità, onoriamo e ricordiamo le gesta di chi ha versato il proprio sangue per denunciare e combattere quello che rappresenta, ancora oggi, il cancro della nostra terra. Non tolleriamo, né accettiamo – tanto da Grillo, quanto dalla Lega – certa retorica qualunquista che denota innanzitutto ignoranza”.

Rispondendo all’invettiva di una signora bergamasca, il conduttore padano si era lasciato andare ad osservazioni decisamente provocatorie: “Lo Stato italiano usa i miei soldi per pagare Gad Lerner, Michele Santoro, quelli della Rai”, ha detto.

Fino ad arrivare al paradosso: “Lo ripeto sempre, la città nella quale vi è il minor numero di furti in appartamento è Palermo. La mafia, se io mi difendo dal ladro, non viene a mettermi in galera. Lo Stato italiano, se io mi difendo dal ladro che mi entra in casa e minaccia i miei cari, mi processa e mi mette in galera. Le tasse che lo Stato italiano mi mette sono come il pizzo della mafia al Sud, con la differenza che lo Stato italiano non smette mai di mettermele. Anzi, la mafia al Sud qualche servizio lo dà”.

Affermazioni tra l’altro prive di fondamento: se si guarda ai dati del ministero dell’Interno, il capoluogo siciliano è la capitale italiana dei furti in casa.