Blitz quotidiano
powered by aruba

Raggi dà forfait a confronto tv. Su Twitter #VirginiaScappa

ROMA – Forfait di Virginia Raggi, candidata sindaco di Roma per il Movimento 5 Stelle, al confronto tv di giovedì con gli altri concorrenti per la corsa al Campidoglio. Ci saranno Roberto Giachetti, Alfio Marchini e Gi Meloni. Ma la Raggi no. E su Twitter spopola l’hashtag #VirginiaScappa lanciato dalla dirigenza del Pd ed entrato nella classifica dei trending topic.

“Ancora una volta #VirginiaScappa – scrive Luciano Nobili, il capo dello staff di Roberto Giachetti – Chi ha paura del confronto può fare il Sindaco di Roma?”. “La Raggi continua a scappare dai confronti con altri candidati –  incalza l’ex asre alla Mobilità in Campidoglio, Stefano Esposito – Evidentemente sa che si scoprirebbe sua inconsistenza”.

“Virginia Raggi – aveva scritto già ieri Alfio Marchini – si faccia coraggio e accetti i confronti con gli altri candidati. Non può continuare a scappare e recitare come una maestrina una parte che qualcuno le scrive. È una signora simpatica ma eterodiretta. Io voglio essere governato da un romano che decide con i romani e non da qualcuno che sta a Milano”.

Ma la grillina resta ferma sulla sua posizione: giovedì in onda su Sky il suo pulpito sarà vacante. E su Facebook si sfoga così:

“Mentre il M5S presenta le sue soluzioni per Roma ai cittadini – ha scritto Raggi – organizzando incontri pubblici e aperti alla stampa, c’è chi discetta sui confronti tv e mi accusa persino di scappare. Siamo davvero al ridicolo. Cerchiamo di capirci, e mi rivolgo in particolare agli altri candidati, tutti accomunati da una delirante ossessione nei miei riguardi: se sono questi i vostri contenuti, se sono queste le vostre argomentazioni e le vostre soluzioni per Roma, oltre a qualche insulto gratuito rivoltomi nelle ultime settimane (direttamente o per mano di qualche giornale amico), vi faccio i miei più sentiti auguri”.

“Fermo restando – aggiunge – che la realtà è tutt’altra, perché finora di confronti ce ne sono stati eccome (chi ha disertato è stato qualcun altro), vi do un suggerimento col cuore in mano: pensate alla Capitale oltre che ai talk show, fatelo per i vostri elettori e per chi crede nelle vostre idee, se ancora ne avete. Rispettate, almeno per una volta, i romani e la nostra città. Ricordo infine a tutti questi partiti, inoltre, che di tempo per dimostrare quello che volevano fare ne hanno avuto eccome: parliamo di almeno 20 anni nei quali la Capitale è stata praticamente rasa al suolo. Adesso lasciate finalmente che lavorino i cittadini”.