Blitz quotidiano
powered by aruba

Referendum, Napolitano endorsement: “Voto sì, è sfida aberrante”

ROMA – “In serena coscienza ed in coerenza con le mie posizioni voterò sì” al referendum costituzionale del 4 dicembre. Così il presidente emerito Giorgio Napolitano ha fatto la sua dichiarazione di voto in tv ospite della trasmissione di Bruno Vespa Porta a Porta. Un endorsement atteso quello dell’ex Capo dello Stato che si è molto speso in questi anni a favore di una riforma costituzionale.

“Sono convinto della necessità di questa riforma da oltre trenta anni – ha sottolineato – in cui il problema non trovava soluzione a fronte di necessità sempre più incalzanti”. Ma il clima politico arroventato, con il corredo di veleni incrociati e senza esclusione di colpi non piace affatto a Napolitano che anche in questa occasione ha chiesto uno stop. Quella sul referendum – ha denunciato “è diventata una sfida aberrante“. Che vede in prima linea lo scontro sul Senato. Ma per Napolitano il principale “obiettivo non è tagliare il numero dei parlamentari”, bensì “avere un Senato che rappresenti i territori e che sia più snello”.

Per l’ex presidente, se va salvaguardata la prima parte della Carta, non altrettanto vale per “l’organizzazione della vita della Repubblica” dove si registrano delle “debolezze, soprattutto nell’equilibrio dei poteri costituzionali laddove fu lasciato un posto minore al governo rispetto al Parlamento e alla Costituzione e poi si creò il pasticcio del bicameralismo paritario. Debolezze riconosciute dagli stessi costituenti”.

Questa riforma, ha rimarcato, “consente al Paese di fare passi avanti” e “può ridare potere e limpidezza di funzione al Parlamento. A partire dalla questione dei decreti legge“.

Il presidente emerito ha fatto presente che il voto referendario non è pro o contro il governo: “Non si vota né per questo governo né contro, ma su quello che è scritto nella legge: limitare i dl, non fare con leggerezza fiducie e maxiemendamenti in uno spirito in cui il potere del Parlamento si rafforza e con esso la democrazia. Si vota su quello, non sulle motivazioni di Renzi”. A giudizio di Napolitano non sono da escludere ricadute finanziarie: “I rischi di crisi finanziaria ci sono sempre e in questa fase possono anche accrescersi per conseguenza di eventi internazionali che conosciamo. Non vorremmo vedere lo spread che cresce. Dobbiamo stare molto attenti comunque vada il referendum”.

L’endorsement di Napolitano sulle riforme non è piaciuto affatto alla Velina rossa di Pasquale Laurito. “La storia della Repubblica italiana – ha scritto – non ha mai registrato un fatto così grave come quello che vede un ex presidente della Repubblica recarsi in una trasmissione televisiva in difesa dell’attuale presidente del consiglio impegnato in campagna elettorale sul referendum”.