Blitz quotidiano
powered by aruba

Riina a Porta a Porta. Bindi: Cancellare intervista stasera

ROMA – Riina a Porta a Porta. Bindi: “Cancellare intervista di stasera”. Rosy Bindi, quale presidente della Commissione parlamentare Anti-mafia, ha chiesto che venga cancellata (invoca un “ripensamento”) dalla trasmissione Porta a Porta l’intervista di Bruno Vespa a Salvo Riina, il figlio di Totò, il capo dei corleonesi mandante degli omicidi di Falcone e Borsellino. Bruno Vespa non ha intenzione di fare passi indietro: “Confermo che andrà in onda”.

L’intervista registrata e che ha sollevato roventi polemiche, è programmata per la seconda serata di mercoledì 6 aprile. In particolare la sorella di Falcone, Maria, si è detta “costernata”.

“Mi auguro che in Rai ci sia un ripensamento. Ma se questa sera andrà in onda l’intervista al figlio di Totò Riina, avremo la conferma che ‘Porta a Porta’ si presta ad essere il salotto del negazionismo della mafia e chiederò all’Ufficio di Presidenza di convocare in Commissione la Presidente e il Direttore generale della Rai”.

Casamonica a Porta a Porta, il precedente. Già nei mesi scorsi “Porta a Porta” era stata al centro delle polemiche per una puntata in cui erano stati ospitati Vera e Vittorino Casamonica, figlia e nipote di Vittorio Casamonica, i cui funerali show il 20 agosto, a Roma, avevano provocato molte critiche.

Dopo quella puntata era stato convocato per una audizione in Commissione Antimafia prima il direttore di Rai Uno Giancarlo Leone. Le reazioni avevano spinto la rete a garantire uno spazio “risarcitorio” in una successiva puntata, aperta con l’intervista all’allora asre alla Legalità del Comune di Roma, Alfonso Sabella.