Politica Italia

Rissa in Senato FOTO, la Fedeli in infermeria. Pd: “Spinta dai leghisti”

Rissa in Senato: ministro Fedeli in infermeria. Pd: "Spinta dai leghisti"

Rissa in Senato: ministro Fedeli in infermeria. Pd: “Spinta dai leghisti”

ROMA – Il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli è finita all’infermeria del Senato. Lei, raccontano alcuni esponenti del Pd presenti in Aula, era ai banchi del governo quando i senatori della Lega sono arrivati di corsa “con i cartelloni e l’hanno spinta contro lo stesso tavolo e le sedie“. Secondo quanto si apprende le sono stati messi di cerotti e le sono stati somministrati degli antidolorifici.

In aula al Senato si sta discutendo sullo ius soli e Lega con M5S stanno attuando la tattica dell’ostruzionismo. Dopo la decisione di Grasso di espellere il leghista Raffaele Volpi per la protesta inscenata contro appunto lo ius soli, quest’ultimo ha deciso di non uscire. Cosa che a norma di regolamento avrebbe comportato la sospensione della seduta. Per evitare lo stop dei lavori Grasso ha quindi revocato l’ espulsione di Volpi chiamandolo comunque a rispondere “nelle sedi competenti” per l’accaduto. “Un precedente così neanche l’ arbitro Moreno!”, commenta Calderoli. “Quando i giocatori si arrivano a nascondere l’arbitro deve comportarsi come può…”, ribatte Grasso. Ma intanto i lavori proseguono.

Volpi aveva insultato pesantemente il presidente del Senato dicendogli “Vaffa…” come racconta ai cronisti anche il collega della Lega Candiani. Ed è a quel punto che Grasso lo espelle. Ma il vero obiettivo del Carroccio è quello di far sospendere l’Aula. Per questo i leghisti occupano anche i banchi del governo con il capogruppo Centinaio che si siede accanto al ministro della scuola Valeria Fedeli mentre “7 persone” tra cui alcuni commessi gli vanno accanto per farlo alzare. E’ a questo punto che Centinaio racconta di essersi fatto male tanto che dopo, alla buvette, mostra la mano gonfia, coperta dal ghiaccio, e dice che ha un ginocchio dolente che gli impedisce di camminare bene (foto Ansa).

To Top