Blitz quotidiano
powered by aruba

Roberto Giachetti: con lui ex questore Francesco Tagliente

ROMA – Roberto Giachetti: con lui ex questore Francesco Tagliente. Su Il Messaggero è considerato un colpo, nel senso di ottima carta da giocare sul tema sicurezza e per vincere primarie ed eventualmente la corsa a sindaco di Roma. Il colpo è rappresentato da Francesco Tagliente, ex questore di Roma dal 2010 al 2012, un superpoliziotto esperto ed affidabile che starebbe già lavorando nello staff di Roberto Giachetti al riparo da orecchie indiscrete per selaborare le strategie future.

Tagliente, 67 anni ancora da compiere, è in pensione dal 2014. Dal 1986 al 1995 dirige la Sala Operativa della Questura di Roma, 1995 al 2000 ha ricoperto l’incarico di Capo di Gabinetto di quattro diversi dirigenti in via San Vitale. Tra gli incarichi svolti si è occupato in prima linea della gestione del Giubileo, qui nasce il rapporto con Giachetti. Dal 2000 al 2006 ha diretto l’Ufficio Ordine Pubblico del Ministero dell’Interno. Dal 2006 al 2010 è questore della provincia di Firenze. Da via Zara ritornerà nella Capitale con il massimo grado. Nel 2012 è diventato prefetto di Pisa. (Simone Canettieri, Il Messaggero)

Giachetti-Argentin tentano salire su bus ma la pedana per i disabili non c’è. Roberto Giachetti e Ileana Argentin, la presidente disabile del comitato elettorale del candidato alle primarie, questa mattina intorno alle 8.30 non sono riusciti a salire su un autobus perché non c’era pedana per la carrozzina.

Giachetti e Argentin, all’inizio di un nuovo tour di ascolto per la città, si sono presentati alla fermata degli autobus di via del Forte Trionfale per aspettare il 446 che è arrivato dopo poco ma senza la pedana necessaria ad Argentin. Quindi i due hanno deciso di proseguire il loro percorso a piedi e in carrozzina, con tutte le difficoltà del caso a causa, a volte, anche della assenza di marciapiedi. “Qui non è solo un problema di trasporti ma tutto il sistema – ha detto Giachetti (Pd) – dalle strade alle rampe, che non sono a misura di disabili”.