Politica Italia

Stadio Roma, consigliera Grancio contraria: espulsa. Virginia Raggi conta voti M5s

Stadio Roma, consigliera Grancio contraria: espulsa. Virginia Raggi conta voti M5s
Stadio Roma, consigliera Grancio contraria: espulsa. Virginia Raggi conta voti M5s

Stadio Roma, consigliera Grancio contraria: espulsa. Virginia Raggi conta voti M5s

ROMA – Quattro mesi dopo l’intesa tra la sindaca Virginia Raggi e l’As Roma per modificare il progetto iniziale dello stadio del club giallorosso, la delibera sull’interesse pubblico è arrivata all’esame dell’Aula Giulio Cesare. Nel pomeriggio di lunedì si sono aperti i lavori, con la maggioranza M5S intenzionata a concludere la partita al massimo entro mercoledì 14, per poi poter portare tutti i documenti in Regione Lazio il giorno dopo, in modo da instradare l’iter della seconda conferenza dei servizi sull’opera.

Poco prima però, in una riunione del gruppo consiliare pentastellato si è affrontato il caso di Cristina Grancio, la consigliera sospesa dal Movimento dopo aver espresso in commissione perplessità sul progetto: alcuni colleghi hanno chiesto chiarimenti sull’episodio, altri auspicano che la sospensione possa essere solo temporanea. Intanto in Aula, mentre Grancio è presente, non lo sono due sue colleghe pentastellate. E nel gruppo è già partita la conta dei voti: tra 25 e 26 i voti necessari per far passare delibera e immediata eseguibilità.

Il presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito è fiducioso: “Inizia oggi una tre giorni di discussione della delibera sullo Stadio – ha detto – Oggi pomeriggio, martedì pomeriggio e mercoledì a oltranza per poter consegnare tutti i documenti alla Regione il 15 giugno. Siamo soddisfatti del risultato che portiamo in Aula, è una delibera che rivede fortemente nel merito quella precedente approvata dalla precedente consiliatura, con una riduzione della cubatura del 50% e con la realizzazione delle opere con standard energetici a basso impatto e soprattutto con la garanzia che le opere di urbanizzazione necessarie saranno realizzate. Il gruppo sarà compatto in questa tre giorni. Se Cristina Grancio sarà espulsa? Lo vedremo”.

San raffaele

Il capogruppo grillino in Comune Paolo Ferrara ha sintetizzato: “Esistono delle regole e noi le rispettiamo perché ce le siamo date dall’inizio, sia a livello nazionale che locale. Chi non sta dentro queste regole è giusto che venga valutato, dal collegio dei probiviri, sulle mancanze che sono state riscontrate”.

Nel frattempo in Campidoglio è tornato a parlare durante il convegno “Sì allo stadio, no alla speculazione”, un’altro eretico, uscito da alcuni mesi dalla giunta di Virginia Raggi, quel Paolo Berdini da sempre contrario al progetto a Tor di Valle: “La vittoria della Raggi è stata dovuta alle persone che ho davanti agli occhi che hanno creduto che ci sarebbe stato davvero un taglio netto con quello che era avvenuto negli anni precedenti. In realtà con il voto che sta avvenendo al piano di sopra (in Aula Giulio Cesare, ndr) sta avvenendo il fatto contrario, ovvero continuiamo a credere che con lo stadio della Roma si rimetterà a posto questa povera e devastata città”.

To Top