Politica Mondo

Corea del Nord prova a vendere litio per produrre mini-atomiche

Corea del Nord prova a vendere litio per produrre mini-atomiche

Corea del Nord prova a vendere litio per produrre mini-atomiche

ROMA – Corea del Nord prova a vendere litio per produrre mini-atomiche. La Corea del Nord ha cercato di vendere l’anno scorso un tipo di litio, un metallo chiave per lo sviluppo di armi atomiche miniaturizzate, ad acquirenti internazionali non identificati: è quanto risulta, scrive il Wall Street Journal (Wsj), agli inquirenti Onu che seguono il programma del dittatore Kim Jong Un sulle armi di distruzione di massa.

Il tentativo di vendita, documentato in un rapporto dell’Onu questo mese, ha suscitato nuovi timori nell’amministrazione Trump, nel Congresso Usa e nelle stesse Nazioni Unite sulla minaccia rappresentata dai crescenti programmi missilistici nucleari e balistici di Pyongyang, secondo funzionari del Congresso ed esperti di armi nucleari.

Il Wsj sottolinea inoltre che la produzione di litio arricchito (conosciuto come litio-6) da parte della Corea del Nord viene vista dagli esperti come la prova di un’accelerazione degli sforzi del Paese di miniaturizzare una testata nucleare, potenzialmente per essere utilizzata su missili balistici.

La rivelazione arriva a pochi giorni dall’ennesima provocazione del regime di Pyongyang, con il lancio di quattro missili balistici, tre dei quali sono caduti al largo delle coste del Giappone. Un’azione per cui il presidente americano Donald Trump ha definito il regime di Kim Jong-un «una seria minaccia», perpetrata con continue violazioni delle varie risoluzioni dell’Onu e ha annunciato di voler iniziare il dispiegamento in Corea del Sud del “Thaad”, il sofisticato e controverso sistema antimissili che fa infuriare la Cina. (La Stampa)

To Top