Blitz quotidiano
powered by aruba

Arma segreta di Putin: tank e Mig di gomma, come bambole gonfiabili

ROMA – Russia: tank e Mig “gonfiabili”, l’arsenale tarocco di Putin. Il ritorno della Russia di Putin ai fasti militari e geo-strategici di epoca sovietica non passa solo attraverso l’attivismo bellico nelle zone calde del pianeta (Siria), l’aggressiva riappropriazione delle ex zone di influenza (ieri l’Ucraina, domani i paesi baltici?), l’hackeraggio politico per destabilizzare la democrazia Usa (è l’accusa di Obama).

In un contesto da “guerra fredda 2.0″, grande importanza riveste ogni genere di espedienti e stratagemmi per confondere le idee ai nemici: come i carri armati, i cacciabombardieri Mig, i lancia missili rigorosamente finti. Cioè strutture appositamente fornite da una fabbrica di palloni aerostatici – la Rusbal, fondata nel 1993 per l’industria dell’intrattenimento – per simulare un pericoloso arsenale, per mettere sul chi va là un potenziale aggressore che dovrà sempre perder tempo a verificare l’attualità della minaccia.

In prima pagina sul New York Times International (“A new weapon in Russia’s arsenal, and It’s inflatable, “Una nuove arma nell’arsenale della Russia. Ed è gonfiabile”) il corrispondente da Mosca Andrew E. Kramer spiega come la tendenza sia figlia di una speciale e imperitura attitudine russa assurta a dottrina in campo militare: “maskirovka”, o arte del camuffamento, della dissimulazione.

Esempi recenti: gli irriconoscibili soldati russi nell’est della Crimea nel 2014 che si dichiaravano in vacanza o volontari, il falso ponte aereo umanitario in Siria. Esempi passati: le mappe sovietiche contenenti informazioni appositamente sbagliate, l’aereo di linea Aeroflot che nel ’68 trasportò a Praga un numeroso gruppo di aitanti giovanotti in borghese che non appena scesi occuparono l’aeroporto e prepararono la fulminea soppressione della Primavera ceca.