Politica Mondo

Cina pronta a schierare armamenti e aerei da guerra nel Mar Cinese Meridionale

Cina pronta a schierare armamenti e aerei da guerra nel Mar Cinese Meridionale

Cina pronta a schierare armamenti e aerei da guerra nel Mar Cinese Meridionale

PECHINO – La Cina sembrerebbe aver in gran parte completato la costruzione di importanti infrastrutture militari su alcune isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale, che permetterebbero al Paese, in qualsiasi momento, la distruzione di aerei da combattimento e altro materiale bellico.

La “Asia Maritime Transparency Initiative” (AMTI), parte del centro di Washington sugli studi strategici e internazionali, ha riferito che il lavoro su Fiery Cross, Subi e Mischief Reefs, nelle isole Spratly, includono strutture difensive navali, aeree e radar, come riportato da ndtv.com.

Le nuove immagini satellitari mostrano nuove antenne su Fiery Cross e Subi, a conferma delle recenti dichiarazioni, ma la Cina ha negato le accuse rivolte dagli Stati Uniti circa la militarizzazione del Mar Cinese Meridionale. 

La settimana scorsa, il premier Li Keqiang ha riferito che gli equipaggiamenti da difesa erano stati posizionati sulle isole, nel tratto di acque contestate, affinché fosse mantenuta la “libertà di navigazione”.

L’AMTI afferma che le tre basi aeree cinese nello Spratlys, ed un’altra sull’isola Woody, permetterebbero agli aerei militari la copertura quasi totale del Mar Cinese Meridionale, chiave di rotta commerciale globale che rivendica Pechino.

In più di un’occasione, la Cina ha schierato delle navi anti-missile sull’isola Woody ed ha inoltre installato dei missili terra-aria HQ-9, con annessi rifugi dal tetto movibile per lanciatori mobili.

Il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Rex Tillerson, ha fatto infuriare la Cina con una recente dichiarazione in cui insinuava il negato accesso alle isole; successivamente ha ammorbidito il linguaggio, dicendo che in caso di una non specificata “contingenza”, gli Stati Uniti e i loro alleati “devono essere in grado di limitare alla Cina l’accesso e l’uso di tali isole” che rappresentano una minaccia.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno condotto una serie di operazioni definite “libertà di navigazione” nel Mar Cinese Meridionale, sollevando le tensioni con Pechino.

To Top