Blitz quotidiano
powered by aruba

Cina testa missili balistici: possono colpire Londra e Usa

PECHINO – La Cina ha testato delle armi che potrebbero essere usate per colpire Londra e gli Stati Uniti con testate nucleari. Si tratta del missile Dongfeng-41, che ha il raggio più lungo di ogni missile balistico nel mondo, può trasportare fino a dieci testate nucleari.

Gli ufficiali americani del Pentagono hanno ripreso la Cina per aver testato le “armi intercontinentali” che hanno un raggio massimo di circa 8.700 miglia. Pechino oggi risponde alle critiche, dicendo che era perfettamente “normale” il test di missili balistici.

I test sarebbero collegati alla tensione crescente tra Washington e Pechino sul Mar Cinese Meridionale, e sono stati effettuati tre giorni prima della visita del segretario della Difesa americano Ashton Carter.

In una breve risposta, il ministro della Difesa cinese non ha negato che è stato effettuato un test, ma ha respinto i resoconti dei media circa il luogo specifico del lancio come “pura speculazione”. Un’affermazione sul sito web del ministro riporta: “Per noi è normale effettuare test scientifici sul nostro stesso territorio, e non sono indirizzati a nessun obiettivo o nazione specifici”.

La Cina rivendica quasi tutto il Mare del Sud, che ospita alcuni delle più importanti rotte navali e si crede contenga vaste riserve di petrolio. Ma molti dei suoi vicini del sud est asiatico hanno pretese sovrapposte, e sono cresciute delle tensioni circa la costruzione, da parte della Cina, di barriere artificiali nelle acque contese.

Lunedì il ministro della Difesa cinese ha confermato che Pechino ha fatto atterrato un volo militare sulla barriera Fiery Cross nell’arcipelago di Spratlys, rivendicato anche dalle Filippine. Nel giorno del viaggio di Carter, Pechino ha riferito che uno dei suoi più alti funzionari militari ha visitato un’isola del Mar Cinese Meridionale.

Immagine 1 di 5
  • Cina installa missili terra-aria su isole contese 5
Immagine 1 di 5

TAG: , ,

PER SAPERNE DI PIU'