Politica Mondo

Corea del Nord: “Donald Trump privo di ragione. Pronti a colpir Guam in 5 giorni”

Corea del Nord: "Donald Trump privo di ragione. Pronti a colpire Guam da metà agosto"

Corea del Nord: “Donald Trump privo di ragione. Pronti a colpire Guam da metà agosto” (Foto Ansa)

PYONGYANG – La Corea del Nord replica agli Stati Uniti. Le minacce di Donald Trump sono “un mucchio di sciocchezze”, e “solo la forza assoluta” può funzionare con qualcuno “privo di ragione” come il presidente degli Stati Uniti. Pyongyang torna ad alzare la posta, dopo l’intervento del capo del Pentagono James Mattis che ha invitato Pyongyang a smetterla con “azioni che potrebbero portare a una fine del suo regime e alla distruzione della sua gente”. Ma soprattutto dopo quell’avvertimento di “fuoco e furia” se la minaccia nucleare non si fermerà lanciato direttamente dal presidente americano. Parole che un comunicato dell’esercito bolla come “sciocchezze”, annunciando che il piano per l’attacco alle acque di Guam a metà agosto andrà avanti.

E anche se Mattis ha assicurato che gli Usa stanno comunque “lavorando a una soluzione diplomatica” convinti che Pyongyang “perderebbe” ogni tipo di guerra, la Corea del Nord non sembra avere intenzione di abbassare i toni. Del resto l’intervento a gamba tesa di Trump che ha fatto infuriare Pyongyang avrebbe colto totalmente di sorpresa sia i suoi più stretti collaboratori alla Casa Bianca sia i funzionari dell’amministrazione del tycoon, in base alla ricostruzione del New York Times fatta su fonti ben informate.

Un “cinguettio” ha gettato altra benzina sul fuoco: “Il mio primo ordine da presidente è stato rafforzare e ammodernare il nostro arsenale nucleare. E’ ora più forte e più potente che mai. Speriamo di non dover mai usare questa forza ma non ci sarà un momento in cui non saremo la nazione più potente del mondo”.

Se è vero lo “sconcerto” dell’entourage sulle parole del presidente per nulla concertate, sono chiari e a tutto campo i tentativi di abbassare i toni e calmare le acque. Il segretario di Stato Rex Tillerson, che giorni fa ha paventato la possibile apertura di un negoziato con Pyongyang strutturato su quattro punti di garanzia (nessun piano per destituire il leader Kim Jong-un, favorire il collasso del regime, accelerare le azioni di riunificazione della penisola coreana e inviare truppe Usa sopra il trentottesimo parallelo), è intervenuto per rassicurare gli americani che “possono dormire sonni tranquilli”.

Anche Guam, fortificazione militare Usa più vicina alle “aree calde” nel mar delle Filippine e avamposto delle basi di Okinawa (la vera “portaerei” nel Pacifico puntata verso la Cina/penisola coreana), è diventato il target di un ipotetico attacco del Nord, “possibile in ogni momento” dopo le minacce di Trump.

La Cina, alleato storico e sempre più critico verso Pyongyang, ha misurato fin nei dettagli la reazione affidandosi a una nota diffusa in serata dal ministero degli Esteri e mettendo in guardia dai rischi della retorica che ha portato all’attuale situazione “altamente complicata e sensibile”. “Ci auguriamo che tutte le parti rilevanti parlino con cautela e si muovano con prudenza, evitando di provocarsi a vicenda e un’ulteriore escalation della tensione, battendosi per il ritorno quanto prima possibile al corretto binario del dialogo e dei negoziati”.

Un allerta chiaro a fermare le provocazioni reciproche mentre il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha continuato a invitare Pyongyang a considerare l’offerta americana esposta da Tillerson.

Oltre alla preoccupazione e alle critiche ai toni usati, rimarcate da Ue e Nuova Zelanda, e all’appello alla moderazione della Germania e all’elogio alla determinazione di Trump del presidente francese Emmanuel Macron, emerge la perplessità sulle linee dell’inquilino della Casa Bianca. Il senatore repubblicano John McCain è tornato alla carica. “Obietto alle parole del presidente, perché bisogna essere sicuri si possa fare quanto si dice”, ha spiegato. In gioco credibilità e prestigio della presidenza, di un’intera nazione e del ruolo di superpotenza.

Intanto il Nord ha liberato Lim Hyeon-su, pastore canadese di origine coreana, “per motivi umanitari”, ha riferito l’agenzia Kcna. Arrestato all’ingresso nel Paese a gennaio 2015 con una missione umanitaria dalla Cina, Lim era stato condannato poi a dicembre all’ergastolo e ai lavori pesanti perché riconosciuto colpevole di “complotto sovversivo” contro Pyongyang.

To Top