Politica Mondo

Corea del Nord, hacker rubano piani di guerra di Seul e Usa

corea-nord-hacker-guerra

Corea del Nord, hacker rubano piani di guerra di Seul e Usa

WASHINGTON – Gli hacker nordcoreani sono riusciti ad introdursi nei sistemi informatici della Corea del Sud e a rubare 235 gigabyte di dati, con molti documenti classificati sulle risposte militari di Seul e Stati Uniti, compreso il Piano Operativo 5015, un progetto messo a punto nel 2015 che prevederebbe anche un intervento preventivo di decapitazione della leadership nordcoreana, con dettagli su come tracciare i movimenti di Kim Jong-un e dei suoi fedelissimi. Il furto è stato reso noto in questi giorni dal  deputato sudcoreano Lee Cheol-hee.

Il Pentagono ha fatto sapere di esserne a conoscenza, ma ha assicurato che tutte le informazioni sono al sicuro. Il deputato sudcoreano del Partito Democratico Lee aveva fatto sapere, citando fonti anonime della Difesa, che i pirati informatici erano riusciti a sottrarre 235 gigabyte di documenti militari, di cui circa l’80% ancora da identificare. Tra i file classificati, dossier sulle forze speciali, relazioni sui comandi alleati, impianti militari strategici e addirittura il piano per “decapitare la leadership nordcoreana”.

“Posso assicurare che siamo fiduciosi nella sicurezza dei nostri piani operativi per affrontare ogni minaccia del Nord“, ha affermato il colonnello Rob Manning, portavoce del Pentagono, rifiutandosi di commentare la veridicità dell’hackeraggio definita “materia di intelligence”. Gli Usa continueranno a “lavorare a stretto contatto coi nostri partner nella comunità internazionale per identificare, rintracciare e rispondere ad ogni minaccia cyber”, ha concluso Manning.

To Top