Politica Mondo

Corea del Nord pronta a “reagire a qualsiasi tipo di guerra”. Test missili continuano

Kim Jong-un (Ansa)
Kim Jong-un (Ansa)

Kim Jong-un (Ansa)

WASHINGTON – La Corea del Nord afferma che continuerà regolarmente i test missilistici, nonostante la condanna internazionale e le tensioni con gli Usa. “Condurremo altri testi missilistici su base settimanale, mensile e annuale“, ha detto alla Bbc il viceministro nordcoreano degli Esteri Han Song-Ryol.

Sarà “guerra a tutto campo” se gli Usa saranno “saranno così spericolati da usare mezzi militari”. “Siamo pronti a rispondere a qualsiasi tipo di attacco preventivo da parte degli americani, a combattere ogni modulo di guerra, e a rafforzare le nostre strutture militari per prevenire un attacco americano”, ha aggiunto Kim In Ryong.

Pyongyang “prenderà contromisure più pesanti” e gli Usa saranno ritenuti responsabili per le loro azioni ha aggiunto ancora l’ambasciatore della Corea del Nord all’Onu, Kim In Ryong, sottolineando poi che i test sui missili “fanno parte del normale percorso per sviluppare capacità di autodifesa”.

E la risposta di Trump non si è fatta attendere. Commentando alla Cnn, il presidente ha detto di sperare “che sia possibile una soluzione pacifica”, aggiungendo che la Corea del Nord “deve comportarsi bene”.

La Cina aveva provato a mediare ma è stata costretta ad ammettere di trovarsi di fronte a una “situazione molto delicata e pericolosa” nella penisola coreana. Pechino continua ad esortare tutte le parti coinvolte a dare prova di moderazione astenendosi da provocazioni. Per il portavoce del ministero degli Esteri Lu Kang, occorre ridurre le tensioni al fine di “tornare al tavolo negoziale e risolvere i problemi con mezzi pacifici”. La Cina vuole far ripartire anche il dialogo multilaterale (di cui fanno parte Cina, le due Coree, Usa, Russia e Giappone), in stallo da dicembre 2008.

To Top