Politica Mondo

Corea del Nord: Trump chiede sanzioni Onu, ma Russia e Cina si oppongono

Corea del Nord: Trump chiede sanzioni Onu, ma Russia e Cina si oppongono

Corea del Nord: Trump chiede sanzioni Onu, ma Russia e Cina si oppongono (foto Ansa)

PYONGYANG – Donald Trump chiede nuove sanzioni per la Corea del Nord: dopo il lancio dimostrativo dell’ultimo missile di Kim Jong-Un e la risposta congiunta Usa-Corea del Sud, il presidente americano si è appellato all’Onu, ma si è scontrato con Russia e Cina, che invece si oppongono a nuove sanzioni.

Trump non ha ancora deciso quale strategia seguire, anche se intanto vuole rafforzare la morsa delle sanzioni, come ha annunciato oggi in una riunione d’urgenza del consiglio di sicurezza l’ambasciatrice Usa Niki Haley, che presenterà una bozza nei prossimi giorni, con il forte sostegno di Parigi e Londra. Haley però ha lanciato altri due messaggi forti. Primo: le azioni della Corea del Nord “stanno chiudendo rapidamente la possibilità di una soluzione diplomatica” e gli Usa “sono pronti a usare qualsiasi mezzo”, inclusa la “forza militare, se dovremo”. Secondo: gli Usa vogliono lavorare con la Cina ma sono pronti a tagliare i loro rapporti commerciali con tutti i Paesi che hanno relazioni con Pyongyang in violazione delle risoluzioni Onu. Un chiaro avviso per Pechino.

Ma Russia e Cina, dopo la rinnovata alleanza fra Putin e Xi, fanno fronte comune sostenendo che “deve essere esclusa l’ipotesi di una azione militare” e chiedendo lo stop allo scudo antimissile Usa Thaad in Corea del sud. Mosca inoltre ha messo le mani avanti su nuove sanzioni, sostenendo che e’ inaccettabile strangolare economicamente la Corea del nord. Il presidente americano vuole sondare personalmente la comunità internazionale nell’imminente G20. E vuole vedere come andranno gli incontri con due leader chiave del dossier, Vladimir Putin e Xi Jinping, che hanno già proposto una soluzione congiunta: la moratoria del programma missilistico e nucleare nordcoreano, insieme alla contemporanea rinuncia allo scudo missilistico americano e alle maxi esercitazioni congiunte di Usa e Corea del Sud, che però hanno risposto immediatamente a Pyongyang con il lancio di missili balistici.

San raffaele

Un altro monito è arrivato dal gen. Vincent K. Brooks, comandante delle truppe americane a Seul: “L’autocontrollo, che è una scelta, è tutto quello che separa armistizio e guerra”, ha scritto in un comunicato congiunto con il gen. Lee Sun-jin, capo del Comando di Stato maggiore sudcoreano, riferendosi alla tregua del 1953 che non ha mai concluso ufficialmente la Guerra di Corea. “Siamo in grado di cambiare la nostra scelta quando ciò è ordinato dai leader della nostra alleanza. Sarebbe un grave errore per chiunque credere il contrario”, ha avvisato Brooks.

Trump invece continua a tener alta la tensione su Pechino, frustrato dalla sua incapacità – o non volontà – di disinnescare la miccia nordcoreana: “Il commercio tra la Cina e la Corea del Nord è cresciuto di quasi il 40% nel primo trimestre. Proprio così, con tutto che Pechino sta lavorando con noi – ma dovevamo fare un tentativo!”, ha punzecchiato. Del resto, che la luna di miele con Xi sia già finita lo rivelano altri segnali lanciati da Trump: dalle sanzioni a una banca cinese che aiutava Pyongyang alla vendita di armi a Taiwan, dall’invio di una nave da guerra in acque rivendicate da Pechino alla guerra commerciale sull’acciaio. Trump ha fatto capire che gli Usa sono pronti ad agire da soli, ma anche l’opzione militare appare improbabile e rischiosissima, sia che si trattasse di un “attacco chirurgico” o di una invasione. Il capo del Pentagono Jim Mattis ha già ammesso che “sarebbe probabilmente il peggiore conflitto nell’arco della vita di gran parte delle persone”.

Il numero delle vittime stimato andrebbe da 60 mila (se i bersagli fossero solo militari) a 300 mila persone. Per questo Trump finora non ha tracciato linee rosse e rischia di restare prigioniero delle politiche dei suoi predecessori. Secondo il Nyt, “l’unica opzione realistica” resta l’avvio di negoziati. Kim minaccia nuovi test ma tiene la porta aperta: “La Corea del Nord non metterà mai sul tavolo dei negoziati le sue testate nucleari e i suoi missili balistici, né arretrerà di un centimetro dalla strada del rafforzamento della sua forza nucleare, a meno che non si metta termine definitivamente alla politica ostile degli Usa e alla minaccia nucleare al nostro Paese”.

To Top